lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Spezia, cala il traffico container -5%, crescono i crocieristi +32% – Marina di Carrara, sale il traffico merci

Spezia, cala il traffico container -5%, crescono i crocieristi +32% - Marina di Carrara, sale il traffico merci

La Spezia si attesta porto con vocazione crocieristica nel 2019, in attesa del Nuovo Terminal Crociere,  passando dai 485 mila crocieristi del 2018, ai 623mila crocieristi (+32%) lo scorso anno - Complessivamente il sistema portuale, composto dai porti di La Spezia e Marina di Carrara, tiene nel 2019. Sebbene il forte calo del settore container nel porto di La Spezia (-5%).

Lucia Nappi

LA SPEZIA - Calo del traffico container, per il 2019, nel porto di La Spezia (-5%)  secondo i dati resi noti dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale. Tuttavia complessivamente il sistema portuale, composto dai porti di La Spezia e Marina di Carrara, è in crescita, tendenza confermata dagli ultimi tre anni, grazie alla positiva sinergia creatasi dalla riforma portuale del 2016.

Positivo l'andamento globale della movimentazione della merce +3,3%, dove Spezia rappresenta +0,6% con 15,9 milioni di tonnellate. Di contro Marina di Carrara è addirittura passato da 1,4 milioni di tonnellate di merci del 2015, momento di maggior crisi per il porto, a 2,5 milioni nel 2018, traguardando il 2019 con oltre 3 milioni di tonnellate (+20%). Risultato raggiunto grazie a diversi fattori. In primo piano "il trasferimento del traffico di rinfuse da Spezia a Carrara che ha permesso al porto ligure di liberare spazi a favore dei contenitori" - lo aveva spiegato la presidente dell'Autorità di Sistema, Carla Roncallo, nell'aprile scorso intervenuta al Seatec di CarraraFiere- "permettendo inoltre al porto toscano di acquisire un nuovo traffico di merci. Con un +115% dal 2015 al 2018". La crescita del porto la si deve anche al fatto di essere passato, negli ultimi tre anni, da un unico operatore: Porto di Carrara spa, con traffico principalmente di General Cargo, a tre operatori, a tre operatori. Nel 2016 era arrivato infatti anche il Gruppo Grendi con il traffico ro-ro verso la Sardegna, seguito poi dall'ottobre 2018 dal Gruppo Perioli spa, sbarcato al Marina Carrara Terminal (MCT).

Riguardo al settore contenitori La Spezia che nel 2018 aveva avuto un consolidamento del traffico: passando da 1.373 milioni di container1 nel 2016 ai 1.485 milioni del 2018, vede invece nel 2019 un calo importante, che l'Authority attribuisce alla ridotta attività di trasbordo. L'attività container cresce del 40% a Marina di Carrara, con 81.156 TEU movimentati nell’anno, dato che va lievemente a bilanciare la perdita globale del sistema portuale per il settore.

Cresce in entrambi i porti il traffico passeggeri (+31%) sostenuto soprattutto dalla crescita dei crocieristi a Spezia si attesta un porto che attrae il traffico crocieristico passando dai 485 mila passeggeri del 2018, ai 623mila crocieristi (+32%) nel 2019, dei quali più del 50% ha scelto questa destinazione come homeport. Grazie al Nuovo Terminal crociere e alle nuove strutture al servizio del traffico, che i tre giganti del crocierismo mondiale: Royal Caribbean, MSC Cruise e Costa Crociere costruiranno sulle banchine spezzine.

Un investimento di 41 milioni di euro, su una gara di project financing, per una concessione della durata di 37 anni. Ma lo sviluppo del crocierismo non coinvolgerà solo Spezia ma anche Marina di Carrara. L’Autorità di Sistema nel bando di gara per l'aggiudicazione della concessione aveva infatto fissato le clausole dei numeri minimi di navi da crociera da far arrivare anche al porto toscano e, gli investimenti infrastrutturali anche su Carrara dove verrà costruito, dalle compagnie aggiudicatarie della gara, un piccolo terminal passeggeri che oggi manca.

MOVIMENTAZIONE MERCI, CONTENITORI E PASSEGGERI PORTI DI SPEZIA E MARINA DI CARRARA (dati forniti dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale)

Dati complessivi:
18,9 MILIONI DI TONNELLATE DI MERCE (+3,3%)
1.491.000 CONTENITORI (-3,9%)
650 MILA PASSEGGERI (+31%)
Nel dettaglio, si riportano i dati dei singoli scali

PORTO DELLA SPEZIA
Traffico contenitori
Il porto della Spezia assiste nel 2019 ad un leggero calo nel traffico contenitori con una movimentazione complessiva di 1,41 milioni di TEU (-5%). La flessione è da attribuire sostanzialmente alla ridotta attività di trasbordo che ha interessato lo scalo spezzino per tutto il 2019.
Si tratta comunque di volume di traffico molto rilevante che conferma il porto della Spezia al secondo posto in Italia tra gli scali di accesso ai mercati di destinazione finale, con una quota che si attesta intorno al 18% del mercato nazionale.

Traffico su ferro
In leggera crescita il trasporto intermodale a ferrovia che ha interessato il terminal LSCT: nel 2019 si sono movimentati circa 360mila TEU trasportati (+2,4%), su un totale di circa 7.800 treni, con una quota di trasporto ferroviario al netto del trasbordo superiore al 30%, quota tra le più rilevanti in Italia ed in Europa, che conferma la costante eccellenza dello scalo in questa modalità di trasporto.

Traffico complessivo
In termini di tonnellate complessive, il traffico che nel 2019 ha interessato il porto spezzino si attesta a 15,9 milioni (+0,6%), di cui 2,1 milioni di rinfuse liquide (+55,8%), 371mila di rinfuse solide (-59%) e 13,4 milioni di merci varie (-1%). Oltre l’84% la quota di trasporto containerizzato sul traffico totale del porto.

Passeggeri
Nel 2019 sono transitati complessivamente nel golfo della Spezia 623mila crocieristi (+32%) dei quali 3.842 in homeport, imbarcati e sbarcati ai terminal crociere. Le navi passeggeri che hanno scalato il golfo spezzino sono state 169. Per il 2020, sulla base delle prenotazioni pervenute, è stimato un traffico passeggeri di oltre 800mila unità.

PORTO DI MARINA DI CARRARA
Ottimi risultati per il Porto di Marina di Carrara, che chiude il 2019 con un incremento complessivo del traffico merci del 20%, con un totale di  3 milioni di tonnellate movimentate, di cui 676mila come rinfuse solide (+37%) e 2,32 milioni come merci varie, con incremento del +16%. Tra quest’ultime, 1,1 milioni sono le merci containerizzate (+28,5%), 693mila il traffico Ro-Ro (+19,4%) e 503mila le altre merci varie (-7,8%).
In crescita il traffico contenitori con 81.156 TEU movimentati nell’anno (+40%). Il traffico passeggeri si attesta a 26.565 transiti, con un incremento del 12,9% sul 2018.

Post correlati

Da Livorno la “Spedizione Thornton”, tentativo coloniale di Ferdinando I /Propeller Club

LIVORNO – L’unico tentativo italiano di colonizzazione delle Americhe fu la “Spedizione Thornton” (dal nome del capitano che la guidava […]

Assoporti: “I porti italiani sono monitorati, evitare ingiustificati allarmismi”

Assoporti, Associazione dei porti italiani: Convocata stamani una riunione in videoconferenza con i presidenti e i dirigenti dei porti italiani, […]

Conftrasporto: Porti, azzerare la tassa di ancoraggio e ridurre i canoni demaniali

ROMA – “Solo in un’emergenza come quella che stiamo vivendo, forse ci si rende conto di quanto sia fondamentale per […]


Leggi articolo precedente:
Stella Maris
Comitato Territoriale Welfare della Gente di Mare di Genova, serata di beneficenza

GENOVA - Cena di beneficenza del Comitato territoriale Welfare della Gente di mare di Genova, per il sostegno di progetti...

Chiudi