Scaduto l’accordo sul Corridoio del grano, la Russia minaccia le navi commerciali nel Mar Nero

Kiev guarda ad una rotta marittima attraverso la Romania.
Navi russe

MOSCA – Lunedì è scaduto l’accordo sul Corridoio del grano nel Mar Nero e Mosca ha fatto sapere di non volerlo rinnovare. Il Corridoio del grano era garantito dall’accordo tra Kiev e Mosca raggiunto con la mediazione della Turchia e dell’Onu e grazie al quale veniva garantito un transito sicuro per il commercio dei cereali.

Vladimir Putin ha informato che non lo prorogherà, sicuramente fino a quando non “saranno soddisfatte tutte le condizioni” che erano previste nell’accordo.

Ieri il ministero della Difesa russo ha dichiarato:

“Tutte le navi in navigazione nel Mar Nero dirette verso l’Ucraina saranno considerate potenziali obiettivi militari perché potrebbero trasportare carichi militari per conto di Kiev. I paesi di bandiera di tali navi saranno considerati parti del conflitto ucraino”.

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa governativa russa, Sputnik:

“I media statunitensi martedì hanno scritto che è altamente improbabile che le navi di grano ucraine che transitano nel Mar Nero vengano scortate dalle navi da guerra turche.
Scaduto l’accordo sul grano Kiev fatica a trovare dei canali per immettere il proprio prodotto sul mercato. Un’opzione è quella di chiedere aiuto ad Ankara, ma è improbabile che l’alleato della NATO intraprenda una “mossa altamente rischiosa”

Infatti, il presidente ucraino Zelensky ha fatto appello al presidente turco Erdogan e alle Nazioni Unite per estendere l’accordo sul grano escludendo la Russia, chiedendo ad Ankara e all’Onu di assicurare il lavoro del corridoio alimentare e l’ispezione delle navi”.

 

Da parte Ucraina, ieri Kiev ha informato che a seguito dell’interruzione della Black Sea Grain Initiative, si sta definendo una rotta marittima temporanea dalla Romania.

LEGGI TUTTO
La crisi dei porti cinesi gonfia i noli di 1495 dollari in un solo giorno sulla rotta Asia-US East Cost

Vasyl Shkurakov, ministro ad interim dell’Ucraina per le comunità, i territori e lo sviluppo delle infrastrutture, in una lettera all’Organizzazione marittima internazionale (IMO) ha dichiarato:

“L’obiettivo della rotta marittima attraverso la Romania è facilitare lo sblocco delle spedizioni internazionali nella parte nord-occidentale del Mar Nero”

Nella lettera all’IMO l’Ucraina fa sapere di aver creato un “meccanismo” per fornire “garanzie di risarcimento dei danni” per armatori e operatori “causati a seguito dell’aggressione armata della Federazione Russa”. Da parte delle compagnie assicurative globali si guarda alla questione con estrema cautela.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC