lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Industria e logistica si interrogano sul PNRR- Giovannini:: Situazione cambiata rispetto a 18 mesi fa

Industria e logistica si interrogano sul PNRR- Giovannini:: Situazione cambiata rispetto a 18 mesi fa

VI edizione Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry - l mondo industriale e logistico si interroga sulla fattibilità di molti progetti del PNRR di fronte all’aumento dei costi, della mancanza di risorse e alla burocrazia.

Milano -  Il PNRR è una grande occasione per l’economia produttiva e la logistica italiane. Il ministro Enrico Giovannini ha preso spunto proprio dal titolo della prima sessione nel suo intervento in apertura di Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry. È inutile nascondere le difficoltà che il nostro Paese dovrà affrontare per completare nei tempi previsti le opere programmate, soprattutto di fronte a una situazione economica che non è la stessa di 18 mesi fa, quando il piano è stato approvato.

A preoccupare è in primo luogo l’inflazione, che ha raggiunto livelli che non si vedevano dai primi anni ’90 e, come ha ricordato Gian Paolo Oneto, direttore Centrale per gli Studi e la valorizzazione delle statistiche economiche dell’ISTAT, che non incorporano ancora lo shock della guerra in Ucraina e gli effetti delle sanzioni. Altrettanta preoccupazione solleva la mole del lavoro normativo, ricordata da diversi relatori. La riforma del codice degli appalti sta facendo il suo percorso parlamentare, ma non potrà avere effetti prima dell’anno prossimo. Essa contiene la possibilità di revisione dei prezzi. Per gli appalti che sono stati o dovranno essere assegnati prima, si sta pensando di ricorrere a misure ad hoc. Il rischio è infatti, come ha fatto notare Piero Petrucco, vicepresidente di ANCE, di non riuscire a completare le opere per esaurimento dei fondi.

Fuochi Masucci

L’adattamento dell’economia e della logistica italiana a un nuovo assetto regionalizzato sono un’opportunità, ma non verranno in automatico. Come ha fatto notare Riccardo Fuochi, Presidente del Propeller Club, Port of Milan, tra i promotori dell’evento di Milano, “Sarà necessario una riprogettazione delle catene, partendo dalla collocazione degli stabilimenti produttivi. Sarebbe auspicabile che questa attività venisse svolta in collaborazione tra aziende della produzione e aziende logistiche”.

Sullo sfondo, ribadito da praticamente tutti gli interventi in tema, restano i blocchi e le carenze storiche del nostro Paese. Una sintesi è venuta da Betty Schiavoni, presidente di ALSEA, altro promotore dell’evento, che ha notato che oltre al PNRR e agli appalti “per le aziende, non solo logistiche, e per far diventare l’Italia attrattiva per gli investimenti, sono altrettanto centrali questioni come la riforma della giustizia e la certezza dei tempi di pagamento”.

L’appuntamento annuale dedicato all’incontro tra il mondo della logistica, delle spedizioni, dei trasporti, e il mondo dell’economia produttiva italiana è proseguito nel pomeriggio con un approfondimento di alcuni dei temi introdotti nella mattinata: situazione geopolitica e effetti delle crisi post-pandemiche. Domani seconda giornata: industria e logistica nel nord-ovest, presentazione del Libro Bianco OITAF sul trasporto refrigerato, presentazione dello studio ContShip-SRM sui corridoi logistici, digital logistics e logistica dell’arte.

L’evento, è promosso da Confetra, ALSEA e The International Propeller Clubs, è in programma il 9, 10 e 11 marzo e viene trasmesso in live streaming da Milano.

 

Post correlati

Nuovo servizio intermodale di Metrocargo Italia per 12mila tonn. di barbabietole

Metrocargo Italia operatore di trasporto multimodale che collega quotidianamente l’Italia alla Francia attraverso Ventimiglia, ha annunciato il nuovo servizio multimodale […]

La Spagna verso il divieto di carico/scarico merci per gli autisti di Tir

Il mancato rispetto della normativa comporterà  il rischio di sanzioni  fino a 4.600 euro. MADRID– Con regio decreto-legge approvato nel […]

Nel porto di Livorno cresce il traffico ferroviario +56,2% nel primo semestre 2022

LIVORNO – Forte crescita del traffico ferroviario nel porto di Livorno che chiude il primo semestre 2022 con un incremento […]


Leggi articolo precedente:
Paolo Massa
Lloyd’s Register, nuovo responsabile commerciale per il Sud Europa, è Paolo Massa

Nuovo responsabile commerciale per il Sud Europa del Lloyd’s Register (LR), è Paolo Massa arriva al LR dopo aver ricoperto...

Chiudi