lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Confitarma, Mattioli: “Forte coesione all’interno dell’associazione”

Confitarma, Mattioli: "Forte coesione all’interno dell’associazione"

ROMA- Si è riunito a Roma il consiglio di Confitarma, la Confederazione Italiana Armatori, presieduto dal presidente, Mario Mattioli ed ha esaminato le principali problematiche del settore in trattazione a livello nazionale e internazionale. Per l’occasione è stato invitato a partecipare Mauro Coletta, direttore generale del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la vigilanza sulle autorità portuali, le infrastrutture portuali ed il trasporto marittimo e per vie d'acqua interne.
 
Mattioli ha illustrato le attività che sin dai primi giorni dell’anno hanno scandito il lavoro della Confederazione impegnata in numerosi incontri e riunioni.
In proposito, ha ricordato che tutte le Commissioni confederali hanno già tenuto le loro prime riunioni, completando le nomine al loro interno e delineando le linee da seguire sulle varie tematiche di loro competenza. A fine gennaio poi, si è tenuta la riunione del Tavolo Tecnico ABI-Confitarma-Banche a cui hanno partecipato le principali banche attive nel comparto dello shipping, e a febbraio il  Mattioli si è incontrato con Antonio Patuelli, residente dell’ABI.
 
In particolare, il presidente di Confitarma si è soffermato sugli esiti positivi derivanti dai colloqui con le principali imprese armatoriali italiane, associate e non, nel corso degli incontri tenutisi a Genova, Ravenna, Napoli e Roma. “In totale – ha affermato Mattioli – ho avuto modo di confrontarmi con circa 50 armatori, condividendo con loro le attuali principali questioni. Si è trattato di occasioni molto costruttive che mi hanno dato conferma della forte coesione all’interno dell’associazione, nella generale convinzione che l’unità è indispensabile affinché Confitarma possa proseguire con forza e autorevolezza nella sua costante azione a tutela degli interessi della categoria”.
Riguardo al nuovo scenario venutosi a creare a seguito della nascita di nuove realtà associative nel settore armatoriale, in considerazione soprattutto delle trattative con le Organizzazioni Sindacali avviate a fine gennaio per il rinnovo del CCNL dei marittimi, è emersa l’esigenza di dare priorità ai principi da sempre sostenuti da Confitarma che si basano sulla difesa delle imprese italiane, delle navi battenti bandiera nazionale e sull’occupazione italiana/comunitaria, in linea con gli orientamenti e le vigenti normative dell’Unione europea.
 
Infine, è stato presentato al Consiglio il nuovo sito web della Confitarma che sarà operativo entro la fine del mese di febbraio

Post correlati

Drewry, continua la discesa dei noli container sulle principali rotte – Questa settimana -3%

Secondo le valutazioni del Drewry World Container Index di oggi, 11 agosto 2022, l‘indice composito è diminuito del 3% questa […]

Hapag Lloyd primo semestre 2022 molto forte, incertezze dalla guerra in Ucraina

Hapag-Lloyd ha rivelato oggi i risultati del primo semestre 2022:– Chiusura del semestre con un ottimo risultato, significativamente superiore allo stesso […]

Assarmatori, esercitazione anti pirateria nel Golfo di Aden con la Marina Militare

ROMA – La Jolly Cristallo, portacontenitori ro-ro di bandiera italiana della compagnia Ignazio Messina & C. S.p.A.,  la fregata della […]


Leggi articolo precedente:
DiMajo Macii
Tornate operative le gru sequestrate ieri a Civitavecchia

di Lucia Nappi CIVITAVECCHIA - Stamani sono tornate a lavorare le 4 gru mobili sequestrate, ieri, nel porto di Civitaveccihia. ...

Chiudi