lorenziniterminal
grimaldi
Governance > Giovannini firma il Decreto porti, gli interventi ammessi al finanziamento del Piano Complementare

Giovannini firma il Decreto porti, gli interventi ammessi al finanziamento del Piano Complementare

ROMA - Il ministro Enrico Giovannini ha firmato il Decreto Porti, il programma di interventi infrastrutturali in ambito portuale sinergici e complementari al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).
Gli interventi sono ammessi al finanziamento statale a valere sulle risorse del Piano Complementare.

Le risorse sono destinate alle seguenti tipologie di interventi:
a) “Sviluppo dell'accessibilità marittima e della resilienza delle infrastrutture portuali ai cambiamenti climatici” per un importo complessivo pari a 1.470 milioni di euro, di cui 687,70 milioni di euro sono stati destinati ad interventi delle Regioni del Sud (circa 46,79%) e 782,30 milioni di euro per interventi delle Regioni del Centro – Nord (circa 53,21%);
b) “Aumento selettivo della capacità portuale” per un importo pari a 390 milioni di euro, di cui 119,35
milioni di euro sono stati destinati ad interventi delle Regioni del Sud (circa 30,60%) e 270,65
milioni di euro per interventi delle Regioni del Centro – Nord (circa 69,40%);
c) “Ultimo/Penultimo miglio ferroviario/stradale”, per un importo complessivo pari a 250 milioni di
euro di cui 40 milioni di euro sono stati destinati alle Regioni del Sud (circa 16%) e 210 milioni
di euro sono stati destinati alle Regioni del Centro – Nord (circa 84%);
d) “Efficientamento energetico”, per complessivi 50 milioni di euro, interamente destinati alle Regioni del Sud;
e) “Elettrificazione delle banchine (Cold ironing)”, per complessivi euro 675,63 milioni, di cui 326,43 milioni di euro sono stati destinati ad interventi delle Regioni del Sud (circa 48,32%) e 349,20
milioni di euro per interventi delle Regioni del Centro – Nord (circa 51,68%).

Ecco alcuni degli investimenti inseriti nel Decreto Porti

Punto 7 - Sviluppo dell'accessibilità marittima e della resilienza delle infrastrutture portuali ai ambiamenti climatici:

Genova Nuova Diga foranea: 500 milioni di euro;
Vado Ligure Nuova diga foranea 45 milioni

La Spezia realizzazione ed elettrificazione del molo crociere: 30 milioni
Marina di Carrara: Waterfront 10,150 milioni

Civitavecchia, nuovo accesso al bacino storico di 43 milioni, prolungamento banchina 13: 26,650 milioni

Napoli, prolungamento della diga Duca d’Aosta 150 milioni,
Salerno: dragaggio porto commerciale: 40 milioni - onsolidamento ed adeguamento funzionale di alcuni moli e banchine: 40 milioni

Palermo: Consolidamento banchine sud Molo Piave, adeguamento e messa in sicurezza statica delle banchine S. Lucia e Vittorio Veneto: 45 milioni

Trapani: dragaggio dell'avamporto e delle aree a ponente dello sporgente Ronciglio 67 milioni

Catania:ricarica della mantellata della diga foranea del porto di Catania, rafforzamento e potenziamento della testata 70 milioni

Ravenna, Hub portuale  130 milioni

Venezia: Opere di manutenzione e ripristino per la protezione e la conservazione nelle aree di bordo del canale Malamocco Marghera tratto curva San Lorenzo e Fusina; 27,500 milioni

Punto 8  Aumento selettivo della capacità portuale

Cagliari: Realizzazione dei banchinamenti del nuovo Terminal Ro Ro presso l’avamporto ovest del Porto Canale 99,350 milioni

Trieste: ammodernamento infrastrutturale e funzionale del terminal contenitori del molo VII 105 milioni 

Punto 9 Ultimo/Penultimo miglio ferroviario/stradale

Trieste: sviluppo del Punto franco: 180 milioni

Punto 10 Efficientamento energetico

AdsP Stretto: Stretto green - transizione energetica della mobilità marittima nell'area dello Stretto: deposito costiero di Lng-elettrificazione delle banchine portuali: 50 milioni

Punto 11 Cold Ironing

Livorno Fornitura di energia elettrica da banchina per le navi tipo portacontainer a banchina presso la Darsena Toscana/Darsena Europa  16 milioni
Livorno Fornitura di energia elettrica da banchina per le navi tipo crociera e Roro Pax a banchina presso l'area passeggeri  29,5  milioni
Piombino Fornitura di energia elettrica da banchina per le navi tipo crociera e Roro Pax a banchina presso l'area passeggeri  16 milioni
Portoferraio Fornitura di energia elettrica da banchina per le navi tipo crociera e Roro Pax a banchina presso l’area passeggeri 16 milioni

Post correlati

Assoporti, Giampieri: Preoccupazione per l’instabilità politica e i possibili effetti sulla portualità

Roma: “L’ipotesi di instabilità politica ci preoccupa perché si colloca in un momento di grandi incertezze a livello mondiale, e […]

Crisi di Governo, rinviato il fermo nazionale dell’autotrasporto

A conferma del grande senso di responsabilità, che ha sempre caratterizzato la categoria, l’autotrasporto italiano ha deciso di sospendere la […]

La replica/Accademia Navale Livorno: «Avviata una verifica su “asserite” irregolarita concorsuali»

LIVORNO – «In merito a quanto pubblicato sul quotidiano “Il Tirreno” relativo alle asserite irregolarità concorsuali durante le fasi di […]


Leggi articolo precedente:
Porto Civitavecchia
Approvato il Dl Infrastrutture, MIMS: Sicurezza sulle navi e nelle operazioni in porto – Nasce il CISM

ROMA - Il decreto Infrastrutture e trasporti è stato approvato oggi dal Consiglio dei ministri, un provvedimento in coerenza con...

Chiudi