lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Federagenti, Bucci «Opere PNRR, il modello Genova: Procedure in parallelo e presa di responsabilità»

Spadoni

Federagenti, Bucci «Opere PNRR, il modello Genova: Procedure in parallelo e presa di responsabilità»

PNRR, arrivare in tempo all'appuntamento del 2026 - Il sindaco di Genova Bucci mostra la via: il modello della ricostruzione del ponte San Giorgio: «Abolire la burocrazia e attuare un approccio con tecniche di project management e tecnologie avanzate - «Farsi carico della responsabilità - La Pubblica Amministrazione è inammissibile che non si assuma la responsabilità».

Lucia Nappi

VENEZIA - «Tagliare la burocrazia, le procedure burocratiche possono essere fatte in parallelo, questo richiede un approccio con tecniche di project management e tecnologie avanzate» . «Deve essere abolita la sequenzialità, i passaggi burocratici devono essere svolti in parallelo mentre il controllo deve avvenire in tempo reale» - E' questa la via per rendere «possibile e replicabile» il miracolo del ponte di Genova, spiegata dal sindaco di Genova, Marco Bucci, intervenuto all’Assemblea di Federagenti, la Federazione nazionale degli agenti e raccomandatari marittimi, svolta a Venezia Lido, nella cornice dell'Hotel Excelsior.

"Il modello  del ponte è stato quello di attuare tutti i passaggi burocratici in parallelo e non in maniera sequenziale" - E questa dovrà essere la modalità per comprimere i tempi di costruzione anche delle opere infrastrutturali contenute nel PNRR, oppure l'Italia non arriverà in tempo all'appuntamento del 2026. E' il monito del sindaco di Genova.

GLI IMPREVISTI

Un modello quello della ricostruzione del ponte San Giorgio che tuttavia ha visto anche degli imprevisti, che hanno provocato dei ritardi.
Elenca Bucci gli imprevisti: «Il ritrovamento di residui di amianto che ha causato il ritardo di 2 mesi»- « Il maltempo e quindi il mare grosso che ha ritardato la consegna di alcune parti del ponte ed infine il Covid». Ma tutti rallentamenti  e ritardi che sono stati recuperati dal punto di vista dei tempi, lavorando su passaggi burocratici in parallelo.

Falsi problemi

Per il Sindaco di Genova anche quello delle verifiche sull’affidabilità delle imprese e dei dipendenti che impiegano “è un falso problema”: una procedura digitale e un’interfaccia informatica consente di verificare in tempo reale anche eventuali sospetti sulla correttezza di imprese e addetti e quindi di emarginarli dall’operazione.

L'assunzione di responsabilità

Infine Bucci sottolinea Bucci che l'essersi preso «tutta la responsabilità sulle proprie spalle» è stata anche la modalità che ha permesso di raggiungere l'obiettivo della ricostruzione del ponte in tempi record. «Chi lavora nel privato si assume rischi tutti i giorni. E' inammissibile che nella Pubblica Amministrazione le persone non si prendano la responsabilità» -Conclude il sindaco che oggi la Pubblica Amministrazione deve essere in grado di attuare processi di managment anche attraverso la presa di responsabilità e di leadership.

Post correlati

Federlogistica Marche, Morandi: “Porti Mare Adriatico Centrale, senza presidente da un anno”

La denuncia di Federlogistica Marche, Morandi: “Basta tergiversare” – “Nonostante il grande lavoro del commissario Pettorino” – “È tempo che […]

Presentazione del libro di Luciano Guerrieri: “Strategie di Sistema e Gestione snella nelle AdSP”

Giovedì 2 dicembre ore 17,30 – 18,30 a Livorno presso la Fortezza Vecchia, sala Ferretti, nell’ambito dell’iniziativa i “giovedì del […]

Straulino (Fedespedi) primo segretario generale donna degli spedizionieri europei (CLECAT)

Antonella Straulino, responsabile delle Relazioni internazionali di Fedespedi, è stata nominata segretario generale (secretary general) del CLECAT – European Association […]


Leggi articolo precedente:
Autotrasporto Tir
Green pass, Unatras: “Penalizzate le imprese di autotrasporto nazionali”

Green pass: Unatras lancia l’allarme:  “Il MIMS e il ministero della Salute penalizzano le imprese di autotrasporto" ROMA - "Gli...

Chiudi