lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Laghezza: No ad una ZLS da Spezia a Parma, si impoverisce il territorio

Spadoni

Laghezza: No ad una ZLS da Spezia a Parma, si impoverisce il territorio

 

LA SPEZIA - Forti plessità su una ZLS che si estenda dal porto di La Spezia sino a Parma, come ipotesi vagliata dal presidente dell'Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure Orientale, Mario Sommariva. La posizione dell'operatore logistico Alessandro Laghezza, presidente del Gruppo Laghezza e Interporto La Spezia Srl, è chiara: “Il retroporto, anzi, l’interporto naturale, dei porti di La Spezia e Marina di Carrara, è Santo Stefano Magra" - pertanto - "l’idea di estendere una Zona Logistica Semplificata verso le aree di Parma, tra Noceto e Medesano, al di là delle difficoltà oggettive, rappresenterebbe un rischio per gli investimenti e gli sforzi attuati dagli operatori spezzini proprio per radicare vicino al porto opportunità di occupazione, lavoro e produzione di ricchezza direttamente legati ai traffici marittimi”.

Attenzione ha avvertito Laghezza  il rischio è la "delocalizzazione di attività logistiche e doganali ad alto valore aggiunto verso la pianura Padana, rischiando di impoverire il nostro territorio di quelle ricadute economiche e occupazionali che un grande sistema portuale come quello di La Spezia/Marina di Carrara deve produrre e lasciare sul territorio stesso" altra cosa "è sostenere con forza il completamento della Pontremolese e il potenziamento delle relazioni economiche con Emilia e Veneto lungo il corridoio Tirreno-Brennero e in questo gli operatori si schierano compatti a fianco del Presidente del porto;

“Credo fortemente nello sviluppo - ha spiegato Laghezza - del retroporto di prossimità, che io definirei ‘Interporto di La Spezia’, una definizione chiara per far comprendere come questa struttura sia vicina e integrata al Porto della Spezia. È lì che bisogna puntare le nostre attenzioni, consultando e coinvolgendo gli operatori locali nell’elaborazione di un progetto di integrazione virtuosa fra privato e pubblico”.
Riguardo alla governance dell’Interporto di Santo Stefano Magra, l'operatore logistico  ha sottolineato che  l'area precedentemente era dedicata esclusivamente al deposito e alla riparazione dei contenitori, mentre lo sviluppo attuale richiede un’interlocuzione costante tra Authority portuale e gli operatori al fine della valorizzazione.

Post correlati

Confetra, programmazione attività 2021 – Contribuire al ridisegno economico produttivo del Paese

Roma, – “Abbiamo comunicato al ministro le nostre designazioni per i Tavoli tecnici attuativi del PNRR. Assiterminal, Assologistica, Federagenti e […]

VIDEO/ Il Comune di Livorno scrive al governo – Bonciani: «Nel PNRR la Darsena Europa non è collegata alla Rete Ten-T»

LIVORNO – «Nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza  (PNRR) che il governo ha inviato in Europa, la parte relativa […]

Confetra, 75mo anniversario: Il 4 giugno l’evento con i ministri dei trasporti degli ultimi 25 anni

Roma – Tante le adesioni delle numerose personalità politiche che, nell’ultimo quarto di secolo, hanno ricoperto lo “scranno” di Porta […]


Leggi articolo precedente:
CMA CGM
CMA CGM commissiona 22 nuove portacontainer ai cantieri cinesi CSSC

Il liner francese CMA CGM ha annunciato di avere effettuato un ordine di 22 nuove portacontainer ai cantieri cinesi: China...

Chiudi