lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Amm. Pellizzari: «Venezia e Chioggia, adesso c’è motivo per essere ottimisti»

Amm. Pellizzari: «Venezia e Chioggia, adesso c'è motivo per essere ottimisti»

Parla l'ammiraglio Piero Pellizzari, direttore marittimo del Veneto: «Venezia porto e resiliente, ha continuato a lavorare grazie a noi tutti e l’Autorità marittima ha mantenuto la barra al centro». A Becce, a.d. F2i Holding Portuale: «Adesso credo sia possibile ragionare in termini infrastrutturali».

Lucia Nappi

VENEZIA - «Il ruolo del Propeller per i porti in Italia è fondamentale. La portualità veneta con i suoi numeri, non solo Venezia ma anche Chioggia, ha un ruolo strategico, ma spesso abbiamo bisogno di ricordarlo cosa vuol dire la portualità. In questo il Propeller può essere fondamentale per ricordarlo a tutti, perché non è mai sufficiente». Lo dice l'ammiraglio Piero Pellizzari, direttore marittimo del Veneto e comandante della Capitaneria di porto di Venezia, all'apertura dell'anno del Propeller Club Port of Venice, incontro svolto il 10 settembre a Mira.

Venezia porto resiliente

«In questo passato anno e mezzo, l'Autorità marittima mantenuto la barra al centro, il porto ha continuato a lavorare grazie a noi tutti e, Venezia si è dimostrato, ma lo era già, un porto assolutamente resiliente che ha consentito alle merci di entrare e uscire attraverso i propri servizi. Questa è stata una grande prova».

In risposta all’ottimismo espresso dal presidente di Federagenti, che lo ha preceduto, Pellizzari sottolinea: «Sono tre anni che sono qui e adesso c'è veramente motivo per essere ottimisti» - «Con l’AdSP  completamente insediata, con l’interesse dimostrato dal ministro, e con tutte le altre istituzioni che porteranno il proprio contributo, abbiamo la possibilità di affrontare le difficoltà, sebbene queste siano concrete e grandi».

F2i Holding Portuale, Marghera e Chioggia

«Adesso credo sia possibile ragionare in termini infrastrutturali» conclude Pellizzari rivolgendosi ad Alessandro Becce, amministratore delegato di FHP (F2i Holding Portuale) maggiore operatore italiano attivo nella gestione dei terminal portuali per rinfuse, che dal 2019 ha acquisito i due terminal di  Marghera  (gestiti da Multiservice e Transped partecipate al 100%) e il terminal di Chioggia (gestito da So.Ri.Ma. partecipata al 100%)  oltre al terminal rinfuse di Marina di Carrara.

«Se c'è la possibilità di aumentare di qualche centimetro il pescaggio, sicuramente lo faremo» - tiene a precisare - «ma credo che ci sia anche la possibilità poter ragionare in termini infrastrutturali. I segnali che leggo per il futuro sono questi.  E in questo senso condivido la visione ottimistica di Santi».

 

Post correlati

Piombino nei primi sette mesi 2022 il traffico passeggeri torna ai livelli pre-pandemia

PIOMBINO – Torna ai livelli pre-pandemia il traffico passeggeri nel porto di Piombino. A certificarlo i dati del Servizio Studi […]

Terminal Rinfuse Venezia, nuovo impianto fotovoltaico – Euoports verso la transizione green

Il Terminal Rinfuse Venezia nel percorso di transizione ambientale avvia un nuovo impianto fotovoltaico VENEZIA – Terminal Rinfuse Venezia annuncia […]

Marina di Carrara FHP, cresce il Project Cargo – Imbarco eccezionale di un modulo da 2.800 tonn.

MARINA DI CARRARA – Lo scalo di Marina di Carrara conferma la propria crescita nella movimentazione e logistica di Project […]


Leggi articolo precedente:
Massimo Bernardo
Propeller Club Port of Venice, Bernardo: «Il porto, bene che appartiene a tutta la comunità»

VENEZIA - In una lettera indirizzata al  Consiglio direttivo, ai soci e al Cluster marittimo veneto, il cav. Massimo Bernardo,...

Chiudi