Terminal merci Alessandria Smistamento, Piacenza: «Puntare ad una logistica retroportuale»

Sviluppo del nuovo scalo merci di Alessandria - Presentato da RFI alla presenza del ministro Salvini, il Progetto di Fattibilità Tecnico Economica
Paolo Piacenza

ALESSANDRIA – Presentato ad Alessandria il Progetto di Fattibilità Tecnico Economica, a cura di Rete Ferroviaria Italiana, per lo sviluppo del nuovo Terminal intermodale e merci nell’area dello scalo di Alessandria Smistamento.

RFI, società capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo FS, ha presentato il Progetto alla presenza del ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Matteo Salvini e contestualmente ha lanciato il bando di gara per la redazione del relativo master plan.

Paolo Piacenza, commissario straordinario AdSP Mar Ligure Occidentale, è intervenuto per sottolineare l’importanza strategica del progetto che va a «potenziare una logistica retroportuale, integrata e polifunzionale, dei porti di Genova e Savona-Vado»:
«Un segnale importante» – ha dichiarato Piacenza dal proprio profilo LinkedIn – «che va nella stessa direzione dei progetti di sviluppo delle aree retroportuali di Genova e Savona-Vado, primo sistema portuale del Paese per traffici commerciali a servizio delle imprese del Nord Ovest italiano e dell’Europa centro meridionale.

Abbiamo in corso confronti con gli enti territoriali e con privati per la valorizzazione e l’ambientalizzazione delle zone logistico industriali della Val Bormida nell’entroterra di Savona, abbiamo già collegamenti ferroviari diretti con tutte le principali destinazioni del nord Italia, con la Svizzera e la Germania».

Il commissario straordinario Piacenza ha pertanto concluso: «Con quasi 64 milioni di tonnellate di merci movimentate nell’ultimo anno e con le prospettive di crescita date dagli interventi infrastrutturali in corso – come la nuova diga foranea di Genova e quella di Vado, il potenziamento del trasporto ferroviario con collegamenti diretti al Terzo Valico, alle linee verso Torino e Milano – puntare sul potenziamento di una logistica retroportuale integrata e polifunzionale è indispensabile per dare polmoni allo sviluppo dei traffici dei porti di Genova e Savona-Vado, con ricadute positive sul territorio in termini occupazionali e di attenzione alla sostenibilità».

LEGGI TUTTO
Russo: Nel secolo della Logistica, l'Italia manca di strategia -INTERVISTA

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC