lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Livorno Cold Chain, la presentazione stamani al Fruit Logistica di Berlino

Livorno Cold Chain, la presentazione stamani al Fruit Logistica di Berlino

Fruit Logistica di Berlino, stamani alle ore 11,00 presso lo stand Hall 25 A-01 viene lanciata l'iniziativa "Livorno Cold Chain", la catena logistica del freddo che riunisce a sistema le aziende del porto di Livorno: Terminal Darsena Toscana (TDT), Autorità Portuale, Interporto Vespucci e Livorno Reefer Terminal.

BERLINO - Il porto di Livorno è presente quest'anno al Fruit Logistica di Berlino, l'evento fieristico internazionale dedicata al comparto ortofrutticolo, che si svolge dal 5 al 7 febbraio, lanciando la "Livorno Cold Chain" -«Non è una società e neppure un brand commerciale, ma un’idea di lavoro» spiega Massimiliano Cozzani, direttore marketing di Gip la società che nel porto di Livorno gestisce il Terminal Darsena Toscana (TDT) punto di riferimento per i prodotti ortofrutticoli per un totale di 889 prese per lo stoccaggio dei container refrigerati. "La Livorno Cold Chain", continua nella spiegazione Cozzani - "è l'iniziativa che riunisce a sistema le aziende che danno vita alla catena logistica del freddo dello scalo toscano, ci presentiamo a Berlino, tutti insieme sotto la stessa bandiera, con l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, l'Interporto Vespucci e Livorno Reefer Terminal.

Iniziativa che stamani alle ore 11 presso viene presentata - presso lo stand Hall 25 A-01 - Si tratta pertanto di un’idea di lavoro introdotta con lo scopo principale di approcciarsi in maniera unitaria al mercato mondiale degli operatori che è presente a Berlino: armatori, fornitori di servizi, tutta la filiera dell’ortofrutta. "Una catena del freddo a chilometro zero» si legge nella brochure che promuove l'iniziativa, "una logistica easy” perché trova quelle componenti necessarie a rendere veloce il passaggio delle varie operazioni nella catena logistica. Una morfologia del territorio favorevole: brevi distanze, dal terminal portuale alle aree di stoccaggio e distribuzione (Reefer Terminal e Interporto Vespucci) inoltre ampi spazi e poco traffico una volta che il container viene messo su gomma.

Post correlati

Confetra Liguria: “Portualità e logistica pagheranno un prezzo altissimo” – Emergenza virus

Interviene il presidente di Confetra Liguria, Alessandro Laghezza: “Ridisegnare aiuti urgenti per il sistema logistico” – “Immediata istituzione di una […]

TrasportoUnito «Movimentazione delle merci gestita in totale confusione»

ROMA – «A parte la preoccupante diminuzione del lavoro anche in quelle realtà che, almeno apparentemente, non presentano particolari rischi […]

Infrastrutture: «157 ponti da rifare, ma solo 50 cantieri aperti» Giachino al premier Conte

«Sono ben 157 i ponti da rifare e ristrutturare senza parlare delle gallerie. Ma i cantieri aperti sono solo 50». […]


Leggi articolo precedente:
CFFT
Civitavecchia Fruit&Forest Terminal, “la concorrenza dei porti del Tirreno ci preoccupa”

BERLINO - Il porto di Civitavecchia si presenta al Berlino al Fruit Logistica - “Mai come in questo anno la...

Chiudi