Autotrasporto, ricorso italiano alla Corte di Giustia UE sui divieti dell’Austria al Brennero

Tir Brennero

ROMA – Soddisfazione per Fai Conftrasporto-Confcommercio: “il Consiglio dei Ministri ha formalizzato la procedura di ricorso alla Corte di Giustizia Europea contro i divieti dell’Austria al Brennero. Per la prima volta l’Italia ha assunto un’iniziativa forte e decisa a favore non solo dell’autotrasporto, ma a tutela dell’intera economia italiana. Così il presidente di Fai Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè, ha commentato il ricorso contro i divieti al Brennero per l’autotrasporto nazionale.

“Nel nome della libera circolazione delle persone e delle merci, principio sancito dall’Unione Europea, si è finalmente deciso di ricorrere alla Corte di Giustizia Ue per salvaguardare quel principio e denunciare la decisione unilaterale dell’Austria di limitare il transito dei mezzi pesanti al valico – spiega Uggè – E questo, dopo che la CE per anni ha puntato solo sul dialogo con l’Austria”.

“Il dialogo non è possibile quando non si rispettano le regole – prosegue Uggè – La Fai-Conftrasporto è stata la prima associazione di imprese in Italia che nel 2016 ha portato all’attenzione delle Istituzioni Europee i danni economici, conseguenti ai divieti, calcolati in milioni di euro al giorno per tutto il sistema Italia”.

“Dopo 7 anni e numerosi ministri dei Trasporti, finalmente l’Italia difende, grazie al ministro Salvini che ha tenuto fede alla parola data, non tanto le imprese italiane, ma l’economia europea, perché oggi è al Brennero che si ostacola la circolazione, ma domani potrebbero altri fronti a fare da sé”, avverte Uggè.

“I valori europei si difendono in questo modo, altrimenti si parla solo di obiettivi astratti e senza basi”, conclude il presidente di Fai-Conftrasporto.

LEGGI TUTTO
Ultimo miglio ferroviario, dall'Europa 4 milioni per Civitavecchia

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC