lorenziniterminal
grimaldi
Environment - Sustainability > Il Mise autorizza 28,5 mln per i progetti di Nuovo Pignone, ricaduta positiva per i porti toscani

Il Mise autorizza 28,5 mln per i progetti di Nuovo Pignone, ricaduta positiva per i porti toscani

ROMA - Il ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via libera all'investimento da 28,5 milioni di euro presentato da Baker Hughes Nuovo Pignone - Il ministro Giancarlo Giorgetti ha autorizzato l'accordo per l'investimento sul progetto di sviluppo di tecnologie e prodotti a sostegno della transizione energetica  di cui 7,7 milioni sono messi a disposizione dal Mise e quasi 2 milioni dalla Regione Toscana.

“Una bella notizia, per l’intera economia toscana”, ha commentato il presidente regionale Eugenio Giani salutando l'Ok del MISE al progetto che mira a rendere maggiormente competitiva l'azienda nel mercato globale grazie alla realizzazione di impianti altamente innovativi nella sede di Firenze, che con più di 4 mila dipendenti è il centro decisionale globale per il business Turbomachinery & Process Solutions, e nello stabilimento di Talamona in Lombardia.  

Nuovo Pignone e i porti di Marina di Carrara e Livorno

Nuovo Pignone, oggi Baker Hughes, con sede centrale a Firenze, dove sono occupati 4mila lavoratori, l'azienda  inoltre si avvale di due stabilimenti produttivi di Massa e Avenza che contano 1.300 dipendenti. L'azienda è un punto di riferimento per l'economia della Toscana e per i porti di Livorno e Marina di Carrara da dove alimenta consistenti traffici di project e general cargo, in accordo con il terminalista livornese Terminal Lorenzini e su Marina di Carrara con FHP, holding portuale del fondo F2i.

Il porto di Marina di Carrara, affermatosi negli ultimi anni come hub portuale della Toscana per il project e general cargo, ha raddoppiando la propria attività grazie alla collaborazione con Nuovo Pignone per la quale gestisce lo sbarco e imbarco delle forniture, la movimentazione e l'assemblaggio di moduli, destinati agli Stati Uniti.

Leggi anche: Marina di Carrara, project cargo -Masucci (FHP): «Una best practice toscana» -Intervista

Leggi anche: Livorno Terminal Lorenzini, ancora un imbarco di carichi straordinari

 “Si tratta di una notizia positiva per almeno due motivi: perché consolida una presenza storica e qualificata come quella del Nuovo Pignone e di Baker Hughes a Firenze e in Toscana, con reverberi anche sull’indotto – aggiunge Giani - e perché si investe in ricerca e sviluppo e in nuove tecnologie, chiave di volta per mantenere competitività in futuro da parte del made in Italy”. “Lo si fa per di più – aggiunge il governatore regionale – in collaborazione con centri di ricerca e università, con un gioco di squadra virtuoso dove l’innovazione si sposa alla svolta ‘green’ che fa bene all’ambiente, e creando nuovi posti di lavoro qualificati, in particolare ingegneri e tecnici specializzati”. “Tutto ciò – conclude – non può che essere un bel segnale per il futuro della nostra economia”.

Post correlati

Alis e Veronafiere annunciano la seconda edizione di LetExpo 2023

VERONA – Torna LetExpo 2023 (www.letexpo.it) in calendario, quest’anno, da mercoledì 8 a sabato 11 marzo, “la più grande fiera […]

MSC Crociere fa rotta verso i 4 mln di passeggeri nel 2023 e annuncia nuove navi green

Milano – Nuove navi «green», itinerari più ricercati, esperienze di bordo ed escursioni sempre più entusiasmanti, importanti iniziative per la […]

Produrre idrogeno green in aree industriali dismesse – Focus gruop Confindustria LI MS-Regione

LIVORNO – Focus group sulla transizione energetica a Livorno – Si è insediato il Focus group dedicato alla transizione energetica […]