Yachting > Ucina: Ottimi risultati dell’industria nautica italiana al Miami Boat Show 2018

Ucina: Ottimi risultati dell'industria nautica italiana al Miami Boat Show 2018

CARLA DEMARIA: “IL SALONE DI MIAMI SI CONFERMA UN APPUNTAMENTO DI RIFERIMENTO PER IL MERCATO AMERICANO”.
 
MIAMI - Si è chiuso ieri il Miami Boat Show, una delle rassegne internazionali più importanti dedicate alla nautica, che vede, ancora una volta, le aziende italiane leader di settore nel mondo. Ambasciatrici oltre oceano del Made in Italy anche otto aziende associate ad UCINA Confindustria Nautica e rappresentative dei diversi settori merceologici: Austin Parker Yachts, Cantiere del Pardo Spa, MTU, Overmarine Mangusta, Monte Carlo Yachts, Sanlorenzo, per gli accessori Yacht Controller LLC e, per le imbarcazioni pneumatiche, Zar Formenti e Nuova Jolly.
 
La kermesse americana si svolge contemporaneamente in due diverse location, differenti per tipologia di imbarcazioni. Il Miami Yacht Show, situato in Collins Avenue, ospita in acqua più di 500 imbarcazioni tra yacht e superyacht.
Dedicato ad imbarcazioni a motore di medie e piccole dimensioni, gommoni ed accessori, il Miami International Boat Show si trova invece presso il Marine Stadium e si sviluppa su una superficie di oltre 93.000 mq. Rappresenta la vetrina ideale per più di 1.100 espositori che hanno in questi giorni presentato al mercato internazionale le loro ultime novità, con 1.400 barche esposte a terra e in acqua.
 
“Il Salone di Miami si conferma un appuntamento di riferimento per il mercato americano” – commenta dagli USA il presidente di UCINA Confindustria Nautica, Carla Demaria.Rispetto allo scorso anno, l’affluenza è stata certamente maggiore, sempre molto significativa quella di provenienza dal Centro e Sud America, con il gradito ritorno dei clienti Brasiliani, ma anche da tutti gli Stati Uniti, Canada ed internazionale . L'impressione generale è che ci sia anche una maggiore propensione  alla conclusione di contratti "

Fabio Planamente, direttore commerciale di Cantiere del Pardo, valuta come segue la presenza del cantiere a Miami: "Abbiamo partecipato per la prima volta al salone di Miami, quello sulla Collins Avenue, con il nostro brand del motore Pardo Yachts e avendo in acqua un Pardo 43.  In questo stesso periodo si svolge, in contemporanea e sempre a Miami, anche l'altro salone di barche a motore e vela, che peró si trova a circa 45 minuti di macchina dalla Collins.  Questo purtroppo disperde un pó la clientela e crea confusione su dove siano il salone ed i vari espositori.  L'evento è iniziato giovedì 15 febbraio e per i primi due giorni l'affluenza è stata abbastanza scarsa. Durante il weekend c'è stata un'inversione di tendenza e l'affluenza è stata buona. Moltissima gente arriva comunque dal Sud America e molti meno dal Nord. 
Come Cantiere del Pardo ci riteniamo soddisfatti di questa prima esperienza, in quanto la barca esposta è piaciuta moltissimo ed il nostro dealer ha preso dei contatti molto buoni, che speriamo si possano concretizzarsi presto in vendite. Idealmente avere qui a Miami un salone unico sarebbe la soluzione perfetta per ampliare il numero di visitatori e quindi i potenziali contatti”. 
 
Piero Formenti, patron di Zar Formenti, azienda da lui stesso fondata e specializzata nella costruzione di unità pneumatiche, conferma “l’impressione che quest’anno ci siano stati molti più visitatori dello scorso anno. Il mercato USA è decisamente in ripresa ed è evidente la fiducia degli Americani nella propria economia. Buone, al momento,  le vendite di tender nonostante le difficoltà di collegamento con la Collins Avenue dove espongono le imbarcazioni più grandi”.
 
I dati relativi al mercato nautico, elaborati dall’Ufficio Studi di UCINA Confindustria Nautica, risultano estremamente positivi ed in netta ripresa anche per l’anno in corso. Le previsioni vedono un’importante crescita del fatturato interno, importante incentivo per convincere le aziende ad investire ancora in un settore che ci vede tra i primi esportatori a livello globale, in particolare negli Stati Uniti. Gli USA rappresentano, infatti, il primo mercato di esportazione delle aziende italiane e il principale mercato mondiale per numero di diportisti, di imbarcazioni prodotte, e per giro di affari generato dal settore. Nel 2016 le esportazioni italiane negli USA relative alle imbarcazioni da diporto e sportive hanno raggiunto i 401.600.000 Euro, pari ad un aumento del 17,7% rispetto al 2015. (dati “La Nautica in Cifre 2017” – il rapporto statistico, realizzato dall’Ufficio Studi di UCINA Confindustria Nautica, in partnership con Fondazione Edison ed Assilea, con il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti).
 
 

Post correlati

Dalle crociere ai mega yacht, i porti campani puntano sul lusso

Grandi Yacht tra opportunità e prospettive. Presentata ricerca di Risposte Turismo commissionata dall’AdSP del Mar Tirreno Centrale condotta sulle unità […]

58° Salone Nautico di Genova: “Nautica e Fisco”

GENOVA – Giornata di studi dal titolo “Nautica e Fisco” – il 25 settembre, nell’ambito del 58° Salone Nautico di Genova. […]

Riforma nautica da diporto, alcune criticità nella prassi

SALERNO – Nonostante il settore della nautica da diporto sia ormai riconosciuto come volano di sviluppo dei territori nazionali, vista […]


Leggi articolo precedente:
Un nuovo modello di alternanza scuola-lavoro / Convegno CCIAA Livorno

LIVORNO - Un nuovo modello di alternanza scuola lavoro è stato il tema del convegno tenutosi presso la sede della...

Chiudi