lorenziniterminal
grimaldi
Environment - Sustainability > Maersk lancia l’ambiziosa sfida “Zero Netto” di emissioni entro il 2040, anziché il 2050

Spadoni

Maersk lancia l'ambiziosa sfida "Zero Netto" di emissioni entro il 2040, anziché il 2050

Una completa decarbonizzazione al 2040 e obiettivi tangibili a breve termine entro il 2030 - E' la sfida ambientale lanciata da A.P. Moller - Maersk - Obiettivi aggiornati e tempistiche accelerate impronta estesa a tutte le emissioni - dirette del gruppo e indirette dei fornitori.

Copenaghen - Un’interessante competizione è stata lanciata da A.P. Moller - Maersk che ha annunciato nuovi sfidanti obiettivi per una completa decarbonizzazione entro il 2040, anziché il 2050 al fine di allineare le attività dirette e indirette del Gruppo ai criteri “Net-Zero”, zero netto di emissioni.  Obiettivi e tempistiche che perseguono l'iniziativa Science Based Targets (SBTi’s) per limitare il riscaldamento globale della terra di 1,5°C. L’iniziativa SBTi  nasce dalla collaborazione tra CDP, Global Compact dell’ONU, World Resource Institute, World Wide Fund for Nature, e dal 2015 ad oggi oltre di 1000 aziende hanno aderito all’iniziativa per fissare un obiettivo climatico basato sulla scienza.

“Questi obiettivi – specifica in una nota Maersk - includono un impegno sociale ad agire ora guidando l'impatto materiale in questo decennio e un impegno a fornire ai clienti una catena di approvvigionamento “Net Zero” entro il 2040. Gli obiettivi per ridurre le emissioni vanno oltre gli sforzi precedenti, sono infatti relativi alla flotta oceanica ma anche coprono tutte le attività dirette e le emissioni indirette nell'intera attività Maersk".

Soren Skou CEO of A.P. Moller – Maersk ha dichiarato: “In qualità di fornitore globale di servizi logistici end-to-end in tutte le modalità del trasporto, è un imperativo strategico per Maersk estendere la nostra ambizione di Zero Netto alla totale impronta dell'azienda. La scienza è chiara, dobbiamo agire ora per realizzare progressi significativi in questo decennio. Questi obiettivi molto ambiziosi segnano il nostro impegno nei confronti della società e dei numerosi clienti che chiedono filiere Zero netto".

Obiettivi 2030
Già in questo decennio -  fa sapere il gruppo danese - Maersk fissa obiettivi tangibili a breve termine entro il 2030 per garantire progressi significativi nella riduzione delle proprie emissioni dirette.
Questi includono una riduzione del 50% delle emissioni per ogni container trasportato nella flotta Maersk Ocean e una riduzione del 70% delle emissioni assolute dai terminal a totale controllo. A seconda della crescita del business oceanico, ciò porterà a riduzioni assolute delle emissioni comprese tra il 35% e il 50% a partire dalla linea del 2020.

Henriette Hallberg Thygesen, CEO Fleet & Strategic Brands, AP Moller – Maersk, ha dichiarato:Obiettivi aggiornati e tempistiche accelerate riflettono un percorso molto impegnativo, ma praticabile, verso lo zero netto, guidato dai progressi nella tecnologia e nelle soluzioni logistiche. A tutto questo è necessario un rapido aumento dell’economia di scala che cercheremo di ottenere in stretta collaborazione con clienti e fornitori lungo l'intera catena di approvvigionamento".

Continua Maersk: Come raccomandato dall' SBTi, nel corso del decennio Maersk andrà oltre gli obiettivi allineati a 1,5°C e investirà nella realizzazione di un portafoglio di soluzioni per il clima naturale che si tradurranno in circa 5 milioni di tonnellate di risparmio di CO2 all'anno entro il 2030.

Obiettivi 2030 per guidare il settore sulle offerte green
Per massimizzare i progressi verso catene di approvvigionamento zero netto nel 2040, vengono introdotti obiettivi ambiziosi per il 2030 per una gamma di offerte di prodotti ecologici, che si aggiungono a soluzioni tra cui Maersk's Emissions Dashboard e Maersk ECO Delivery. Queste mirano a rafforzare Maersk come fornitore leader del settore di soluzioni per una catena di approvvigionamento green e coprono le attività marittime, aeree, di logistica contrattuale (magazzini e depositi) e della catena del freddo. Questi prodotti utilizzeranno tecnologie e soluzioni green per garantire riduzioni reali delle emissioni all'interno della catena di approvvigionamento.

Emissioni indirette

La copertura delle emissioni indirette significa che gli obiettivi riguardano anche le emissioni, ad esempio, dei servizi di trasporto interno e della costruzione di navi forniti da fornitori terzi. Affrontare questa sfida richiederà un'analisi approfondita dei dati e una stretta collaborazione con i fornitori locali e regionali di prodotti e servizi in tutta l'impronta aziendale di Maersk.

 

Post correlati

MPC Capital sull’onda del rilancio dei cantieri Hanjin, ordina 4 portacontainer green

AMBURGO – La tedesca MPC Capital ha annunciato l’ordine di quattro nuove portacontainer green da 5.500 teu presso i cantieri […]

Pari opportunità e famiglia, asili nido aziendali per i figli dei dipendenti Fincantieri

ROMA – Asili nido aziendali per i figli dei dipendenti degli stabilimenti Fincantieri saranno realizzati all’interno dei vari siti aziendali. […]

L’UE vieta la fusione tra i big della cantieristica sudcoreana Daewoo e Hyunday

La fusione tra i giganti della cantieristica navale sudcoreana Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering (DSME) e Hyundai Heavy Industries (HHI), […]


Leggi articolo precedente:
Beniamino Carnevale
La nave cargo Tirrenia, dopo l’incendio a bordo, rimorchiata a Napoli

La nave “Beniamino Carnevale” della Compagnia Tirrenia Cin, ha raggiunto il golfo di Napoli trainata dal rimorchiatore d'altura “Guarracino” di...

Chiudi