lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Fincantieri-Vard, ordinata la quarta unità speciale (SOV) per il parco eolico di Dogger Bank

Fincantieri-Vard, ordinata la quarta unità speciale (SOV) per il parco eolico di Dogger Bank

Fincantieri, Vard costruirà una quanta unità nave speciale SOV (Service Operation Vessel) per la società britannica North Star - Sarà operativa nel parco Dogger Bank nel Mare del Nord.

Trieste – Vard controllata del Gruppo Fincantieri, ha annunciato di avere siglato un contratto con la britannica North Star per la progettazione e costruzione di un ulteriore Service Operation Vessel (SOV).  North Star ha già un ordine con Vard per la costruzione di tre navi della stessa tipologia. Questa ultima unitá entrerà a far parte della flotta a propulsione ibrida  alla fine del 2024 e sará operativa nel parco eolico di Dogger Bank, a circa 130 chilometri a largo della costa orientale dell’Inghilterra, nel Mare del Nord, che comprende tre aree (A, B e C) e una volta completato sarà il più esteso al mondo.

Il progetto Dogger Bank A e B è una joint venture tra SSE Renewables (40%), Equinor (40%) ed Eni (20%). Nel novembre 2021 SSE Renewables ed Equinor, partner anche della joint venture 50/50 nel progetto Dogger Bank C, hanno annunciato che Eni acquisirà una quota del 20% nella terza fase, con SSE Renewables ed Equinor che manterranno il 40% delle quote ciascuna. L’accordo dovrebbe essere finalizzato entro il primo trimestre del 2022, soggetto alle approvazioni normative.

“Il successo consente a Vard di rafforzare ulteriormente la propria posizione in questo particolare settore del mercato offshore e in quello delle navi speciali ad alta prestazione anche nelle condizioni ambientali più impegnative. Il settore delle energie rinnovabili offshore è in una fase di transizione da industria solo europea a mercato globale. Avendo già sviluppato numerosi concept di questo tipo di unità, Vard potrà sfruttare il trend in crescita del comparto, in cui emergono importanti attività che si apprestano ad essere avviate sia in Asia che in Nord America, oltre a un livello di investimenti ancora elevato in Europa, come dimostra il risultato raggiunto oggi dalla società norvegese” spiega Fincantieri in una nota.

Post correlati

Hapag Lloyd e Forto accordo sui biocarburanti per trasporti marittimi green

Partnership tra il carrier globale di container Hapag-Lloyd e Forto società di logistica e soluzioni tecnologiche applicate alla catena di […]

A MSC Tessa il primato, momentaneo, di portacontainer più grande al mondo (24.116 teu)

SHANGHAI – Si chiama MSC Tessa ed è la portacontainer più grande del mondo con una capacità di 24.116 TEU. […]

MSC alla conquista del mercato ospedaliero, acquisterà Medclinic International

Mediterranean Shipping Company, globar carrier numero uno al mondo,  è pronta ad ampliare le proprie attività ed entrare nel business […]


Leggi articolo precedente:
Porto Genova
Assoporti, stabiile ripresa dei porti nazionali nei primi nove mesi del 2021

I primi nove mesi dei porti confermano il trend di ripresa - Secondo Assoporti, nel 2022 proseguirà questo andamento. Roma...

Chiudi