lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Consegnata al Gruppo Grimaldi la nave Grande Torino

Spadoni

Consegnata al Gruppo Grimaldi la nave Grande Torino

La nave GRANDE TORINO presa in consegna presso il cantiere cinese Yangfan di Zhoushan - La nave PCTC verrà impiegata sulla tratta Mediterraneo-Nord America.

Napoli,  – Presso il cantiere navale cinese Yangfan di Zhoushan è stata consegnata al Gruppo Grimaldi la nave  Grande Torino. Si tratta della prima unità di una commessa di sette navi gemelle effettuata dal gruppo partenopeo presso il cantiere Yangfan.

Con l’introduzione della Grande Torino, la nostra più grande nave car carrier, la flotta del Gruppo diventa ancora più giovane, innovativa ed efficiente”, ha dichiarato l’amministratore delegato del Gruppo Emanuele Grimaldi. “Abbiamo ancora una volta risposto alle richieste del mercato con innovazione tecnologica, qualità e sostenibilità, e continueremo a farlo”.

La nave  verrà impiegata sul collegamento ro/ro settimanale operato dal Gruppo Grimaldi tra il Mediterraneo ed il Nord America (Canada, Stati Uniti e Messico), insieme alle già operative Grande Halifax, Grande Baltimora e Grande New York. I porti serviti saranno: Gioia Tauro, Civitavecchia, Livorno, Savona (Italia), Valencia (Spagna), Anversa (Belgio), Halifax (Canada), Davisville, New York, Baltimora, Jacksonville, Houston (USA), Tuxpan e Veracruz (Messico).

La nave è una pure Car & Truck Carrier, ha una lunghezza di 199,90 metri, una larghezza di 36,45 metri, una stazza lorda di 65.255 tonnellate e una velocità di crociera di 19 nodi. Grande Torino batte bandiera italiana, è tra le car carrier più grandi sul mercato: può infatti trasportare circa 7.600 CEU (Car Equivalent Unit) o in alternativa 5.400 metri lineari di merce rotabile e 2.737 CEU. Con i suoi quattro ponti mobili, è una nave estremamente flessibile, capace di imbarcare qualsiasi altro tipo di carico rotabile quale camion, trattori, autobus, scavatrici, ecc., fino a 5,3 metri di altezza.

Con di due rampe d’accesso, una laterale ed una di poppa, quest’ultima in grado caricare unità di carico fino a 150 tonnellate di peso. La configurazione dei vari ponti ed il sistema di rampe interne riducono al minimo il rischio di danni durante l’imbarco/sbarco delle unità rotabili.
Dal punto di vista ambientale, la Grande Torino è dotata di un motore a controllo elettronico, come richiesto dalle nuove normative per la riduzione delle emissioni di ossido di azoto (NOx) nonché di uno scrubber per l'abbattimento delle emissioni di ossido di zolfo (SOx). Infine, rispetta le più recenti normative in termini di trattamento delle acque di zavorra.

Post correlati

Crisi Ucraina e logistica – Maersk sospende il servizio per Azov, seguirà un effetto domino?

COPENAGHEN – Maersk sta sospendendo il servizio di trasporto marittimo per il porto di Azov in Russia. Per quanto riguarda […]

Franco Maria Rondini direttore generale della nuova compagnia Kalypso, gruppo Rif Line

Kalypso, la nuova compagnia di navigazione di proprietà di Rif Line gruppo di logistica internazionale, la nuova compagnia che vede […]

CMA CGM, noli spot digitalizzati su piattaforma SpotOn

MARSIGLIA – La compagnia francese CMA CGM come anticipato il 10 settembre scorso aveva annunciato il congelamento del valore dei […]


Leggi articolo precedente:
Livorno, Toremar: Serata per “Il Porto dei piccoli”

LA SOLIDARIETÀ SALE A BORDO DI TOREMAR: INIZIATIVA SULLA LIBURNA DEDICATA A “IL PORTO DEI PICCOLI” Livorno – Un mare...

Chiudi