Analisi / Zim in perdita netta nel 2° trimestre 2023, riflesso delle sfide del settore

ZIM:, secondo trimestre 2023 perdita netta di 213 milioni di dollari - Le strategie per affrontare le sfide del settore - Dalla gestione di una flotta ad alta percentuale di navi in charter, all'attesa nel 2024 di nuovo tonnellaggio di proprietà.
portacontainer ZIM

ZIM è il primo grande vettore globale nel trasporto marittimo di container a registrare una perdita netta nel secondo trimestre 2023 con un EBIT rettificato negativo di -147 milioni di dollari. Nonostante la compagnia abbia visto i propri volumi crescere dello +0,5%, in un mercato in cui i volumi a livello globale sono diminuiti del -2,1%, ha aumentato la propria quota di mercato.

Secondo l’analista di settore Lars Jensen: “Al contempo le tariffe medie di trasporto della compagnia sono diminuite del -66,8% in un mercato in cui il tasso medio globale secondo CTS – Container Trade Statistics Ltd – è diminuito del -58,5%. Ciò dimostra che l’andamento dei tassi di Zim è stato significativamente più negativo rispetto al mercato in generale, mentre allo stesso tempo ha aumentato marginalmente la quota di mercato”.

“Tuttavia, va notato che Zim” – dice Jensen – “sebbene siano un vettore globale, è ancora un vettore globale relativamente piccolo e quindi la propria esposizione proporzionale alle diverse operazioni può variare un po ‘dai dati globali CTS, e quindi parte della differenza di tasso può essere dovuta a questo effetto”.

I risultati finanziari consolidati, annunciati il 16 agosto scorso dalla compagnia e relativi al primo semestre 2023 chiusi al 30 giugno, evidenziano una perdita netta di 213 milioni di dollari (rispetto all’utile netto di 1.336 milioni di dollari nel secondo trimestre del 2022). “La riconsegna di alcune navi” – ha spiegato la compagnia – “ha pesato negativamente su una perdita di 51 milioni di dollari”.

Consegna di nuovo tonnellagio di proprietà

Parte della perdita è da imputare alla strategia di charter della flotta attuata nel periodo post Covid dalla compagnia che gestisce un’alta percentuale di navi in charter piuttosto che di proprietà, strategia non più praticabile nell’ambiente tariffario lowish attuale. Considerando che la corsa alla competizione globale pone in vantaggio chi  controlla beni e gestisce l’intera catena logistica.

LEGGI TUTTO
Giornata nazionale del Mare, Meloni: "Legame indissolubile tra l'Italia e il mare"

Tuttavia “con il passare dell’anno e fino al 2024, prevediamo che la nostra struttura dei costi migliorerà di pari passo con la consegna del nostro tonnellaggio di nuova costruzione altamente competitivo ed efficiente in termini di carburante, comprese 28 navi alimentate a GNL.” –  dice il presidente e amministratore delegato di ZIM, Eli Glickma – “L’andamento di Zim “riflette le sfide a breve termine che sta affrontando il mercato del trasporto di container.

In merito alle strategie il presidente di ZIM spiega: “Continuiamo ad adottare misure per rispondere alle attuali realtà del mercato, concentrandoci sulla riduzione dei costi e ottimizzando, al tempo stesso, la nostra strategia commerciale. Abbiamo intrapreso azioni per razionalizzare la nostra capacità attuale e rivedere regolarmente i nostri servizi per adattare la rete alle preferenze dei clienti e identificare nuove opportunità commerciali. Esploriamo anche opportunità per sfruttare collaborazioni operative per migliorare l’efficienza”.

Secondo trimestre 2023, risultati ZIM

L’EBITDA è stato di 275 milioni di dollari, con un calo dell’87% su base annua.

L’EBIT è stata di 680 milioni di dollari, rispetto all’utile operativo di 1.764 milioni di dollari nel secondo trimestre del 2022
La perdita dell’EBIT è stata quindi di 147 milioni di dollari, rispetto al secondo trimestre del 2022.

I ricavi sono stati pari a 1.310 milioni di dollari, con un calo del 62% su base annua.

Il volume trasportato è stato di 860mila teu, in leggero aumento rispetto all’anno precedente.

La tariffa media di trasporto per teu é stata pari a 1.193 dollari, con un calo del 67% su base annua.

Guidance: La società prevede di generare per l’intero 2023 un EBITDA compreso tra 1,2 e 1,6 miliardi di dollari e una perdita EBIT rettificato compresa tra 500 e 100 milioni di dollari

LEGGI TUTTO
Maersk investe in tecnologia green, in arrivo scrubber per ridurre le emissioni nocive

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC