Analisi Container xChange: “L’eccesso di offerta dei container, fa crollare il mercato dell’usato”

Porto Cina

Secondo l’analisi di Container xChange l’eccesso di offerta di container comporterà la necessità di maggiore spazio nei depositi che, tuttavia, sono già carenti. L’imminente alta stagione darà un impulso alla domanda repressa, ciò stabilizzerà i prezzi del mercato dell’equipment.

AMBURGO – L‘eccesso di offerta di container sta contribuendo al crollo dei prezzi del mercato dei container usati. E’ quanto messo a fuoco da una recente analisi di Container xChange, piattaforma tecnologica per il movimento dei container: “Attualmente la situazione caratterizzata dall’eccesso di offerta di container è il risultato di una serie di perturbazioni del mercato, iniziate subito dopo lo scoppio della pandemia, all’inizio del 2020.

Con l’aumento della domanda di trasporto, la congestione nei porti è cresciuta e la capacità dei container è stata bloccata per un ampio periodo. Ciò ha portato al panico negli ordini di container nuovi a livelli record. Con il tempo, quando i mercati hanno riaperto e la domanda di trasporto è attenuata, l’eccesso di offerta dei box è il risultato naturale delle forze domanda-offerta che si bilanciano a nuovi livelli”. E’ quanto scrive l’analista di settore,  Christian Roeloffs, cofondatore e CEO di Container xChange.

 

Container Europa

 

 “La situazione di eccesso di offerta non sorprende perché i prezzi medi dei container e le tariffe di leasing sono diminuiti a livello globale da settembre a ottobre 2021″. ha aggiunto Roeloffs. Prospettive a breve e medio termine sulle tariffe di trasporto, tariffe spot e tariffe container. Le tariffe di trasporto sono diminuite in media di circa il 20% dall’inizio del 2022 e continueranno a scendere gradualmente, ma non ci sarà un calo drastico perché sono ancora presenti le interruzioni alla base della catena di approvvigionamento.

L’inflazione, per esempio, ha iniziato a creare un forte stress sull’economia statunitense e sull’Unione Europea. Con l’inflazione e i blocchi indotti dalla pandemia, le interruzioni continueranno a cambiare l’equazione tra offerta, domanda e prezzi. A lungo termine, questi verranno gradualmente eliminati e creeranno un nuovo normale equilibrio tra domanda e offerta. I nuovi dati pubblicati da Drewry indicano un eccesso di 6 milioni di teu di capacità nella flotta globale di container.

Secondo l’analisi di Container xChange l’eccesso di offerta comporterà ovviamente la necessità di più spazio nei depositi che, tuttavia, sono già carenti. E in uno scenario in cui presumiamo che le interruzioni della catena di approvvigionamento globale svaniranno con il tempo, ci sarà una maggiore produttività dei container e avremo bisogno di un numero inferiore di container per unità di carico. Poiché nei prossimi mesi assistiamo all’allentamento delle interruzioni della catena di approvvigionamento, ciò comporterà una maggiore produttività dei container e un surplus strutturale.

Se vediamo anche un ulteriore ammorbidimento della domanda, ciò aumenterà l’offerta di container disponibili per il carico. “Questa situazione porterà a un minore spazio nei deposito, i vettori si affretteranno a sbarazzarsi dell’equipment usato, i prezzi dei container di seconda mano continueranno a scendere gradualmente solo per raggiungere un nuovo livello normale e il nuovo mercato si prosciugherà”.

La situazione può essere studiata dal punto di vista delle forze di mercato della domanda e dell’offerta. Se la domanda di container si riduce (derivante dal calo della domanda dei consumatori nel corso dei prossimi mesi considerando l’aumento dell’inflazione che potrebbe contribuire al sentiment negativo dei consumatori), allora l’offerta di container aumenterà naturalmente. Inoltre, il prezzo è una funzione della domanda e dell’offerta. Se la domanda diminuisce e l’offerta aumenta, i prezzi diminuiranno. Ed è ciò che sta accadendo attualmente con i prezzi dei container.

 

LEGGI TUTTO
Confitarma, Mattioli al Cluster marittimo: Poca compattezza

Cina Average

L’alta stagione

Il fattore principale che ha spinto i prezzi molto più dei livelli storici è stata una crisi dell’offerta negli ultimi due anni a causa dell’allungamento dei tempi di consegna dei container causato dalle congestioni della catena di approvvigionamento. Abbiamo ancora circa il 10% della capacità di trasporto vincolata e rimossa dalla catena del valore. Tuttavia la domanda è rallentata.

Le importazioni statunitensi sono diminuite del 2,4% tra marzo e aprile. Gli acquisti di beni sono diminuiti di 0,1 miliardi di dollari in quanto le maggiori importazioni di forniture e materiali industriali (+1,8 miliardi) sono state compensate da minori importazioni di beni di consumo (-1,5 miliardi).

A lungo termine, la domanda del trasporto marittimo è prevista come un moltiplicatore della crescita del PIL globale. E se il PIL globale non precipita, ad esempio, del 5%, la domanda globale di capacità di trasporto non crollerà in modo significativo. “Per riassumere, prevediamo in alta stagione un aumento significativo della domanda repressa. A breve termine, avvicinandoci all’alta stagione, ciò probabilmente manterrà i prezzi dei container potenzialmente stabili (impedirà che scendano ulteriormente o salgano alle stelle) “. “Ciò che resta da vedere l‘andamento della geopolitica e i blocchi indotti dalla pandemia (ad esempio in Cina) nei prossimi mesi”.

TDT

Let Expo 2024

Assoporti 50anni

Confindustria Livorno

 

Confitarma auguri

MSC Spadoni

AdSP Livorno

Toremar

Laghezza

MSC