lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Venezia, Grandi navi / Musolino: “Fare porto in maniera sostenibile è possibile”

Venezia, Grandi navi / Musolino: "Fare porto in maniera sostenibile è possibile"

di Lucia Nappi

ROMA - "Ho appreso stamani, dalle pagine di Facebook del ministro della cultura Bonisoli che la soprintendenza di Venezia sta avviando l’iter che porterà al riconoscimento del vincolo storico-artistico al Canale della Giudecca e ai canali e di accesso portuali."  Queste le parole di perplessità di Pino Musolino, presidente dei porti di Venezia e Chioggia, intervenuto  in merito alla  dichiarazione del ministro Alberto Bonisoli sulla tutela delle vie d'acqua di Venezia. L'esternazione avviene nel contesto della Naples Shipping Week, nel tardo pomeriggio di ieri, e si rivolge all'indirizzo del vice ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Edoardo Rixi, arrivato alla manifestazione carico di notizie, tra le quali lo sblocco del decreto Genova e i 30 milioni  stanziati dal decreto per il porto del capoluogo ligure per l'emergenza causata dal crollo del ponte Morandi, notizia, questa ultima, che getta nello sconforto i genovesi  presenti in sala.

Ad accrescere la perplessità di Musolino il fatto che la proposta di Bonisoli sia stata accolta dal ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, che si dice pronto ad aprire un Tavolo Tecnico per la tutela della Laguna.

Musolino entra a gamba tesa anche sulle questioni del dialogo fra istituzioni, o forse meglio, sulla mancanza del dialogo con i due ministeri in questione: "In in una democrazia che possa definirsi autentica ed efficiente il dialogo inter-istituzionale è fondamentale - sottolinea il presidente del porto di Venezia- "e non si fa policy solo sui social media; e nel merito, perché quel bilanciamento fra ambiente e porto cui il ministro si riferisce viene praticato ogni giorno dall'Autorita' di Sistema Portuale”.

I dati parlano chiaro: il delicato ecosistema della Laguna deve essere oggetto di rispetto ambientale, ma non si può neppure ignorare che le attività del porto commerciale, comprese quelle crocieristiche, attivino il 20% del Pil dell'area metropolitana ed occupino una forza lavoro di 18 mila dipendenti: “Non è un caso se, proprio oggi, mi trovo alla Naples Shipping Week - continua il presidente del porto veneto- per illustrare alla comunità portuale nazionale le buone pratiche del nostro porto in termini di riduzione dei consumi e delle emissioni e di eco-sostenibilità in genere delle attività portuali; questo perché Venezia rimane un punto di riferimento internazionale sul fronte del rispetto ambientale in termini di regole, procedure e tecnologie utilizzate". 

Da cittadino prima e da amministratore pubblico poi, non voglio e non posso pensare di mettere in atto soluzioni che pregiudichino la vita del porto e che mettano a repentaglio l'occupazione presente e futura. Questo il vero ruolo che svolgiamo al servizio dei nostri concittadini. Fare porto a Venezia in maniera sostenibile, innovando, sviluppando e allo stesso tempo preservando e tutelando l’ambiente e la città è non solo possibile, ma la cifra del nostro lavoro quotidiano”.

Post correlati

Taranto Cruise Ports, partnership finanziaria con Banca di Taranto

Taranto Cruise Port, società del network Global Ports Holding (GPH) – maggiore operatore indipendente di terminal crociere al mondo – […]

Nata Nomisma Mare, studierà le attività economiche connesse al mare

BOLOGNA –  Costituita Nomisma Mare, la nuova divisione di Nomisma Spa. Il Consiglio di amministrazione di Nomisma Spa, riunitosi a […]

Nuova diga di Genova, gara deserta per condizioni economiche inadeguate e tempi stretti

GENOVA – E’ scaduto alla data del 30 giugno alle ore 12,00 la procedura negoziata per l’affidamento dell’appalto integrato complesso […]


Leggi articolo precedente:
Grandi Navi Venezia
MIT, Toninelli: Tavolo tecnico per la tutela della Laguna

ROMA - Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in un comunicato rende noto di accogliere "con favore l’importante iniziativa...

Chiudi