lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Trieste: Cresce il traffico ferroviario in porto +13,46%, l’Authority istituisce la direzione ferroviaria

Spadoni

Trieste: Cresce il traffico ferroviario in porto +13,46%, l'Authority istituisce la direzione ferroviaria

TRIESTE- Il porto di Trieste nei primi 10 mesi del 2018 è cresciuto del 3,48% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, totalizzando n 52.903.403 tonnellate di merce movimentata.

Il traffico complessivo dei container ha registrato del 17%  con 601.032 TEU. Le merci varie hanno avuto una variazione positiva del +8,47% (14.906.365 tonnellate), mentre le rifuse solide si attestano a 1.467.265 tonnellate, in netto rialzo sul 2017 (+15,06%). Si mantengono stabili le rinfuse liquide (+1,17%) e il comparto RO-RO, (+1,66%) con 254.470 unità transitate.
Lo scalo triestino continua a crescere soprattutto nel settore ferroviario, mettendo a segno un +13,46%  nel periodo gennaio-ottobre  con 8.109 treni  Considerando in particolare la movimentazione ferroviaria del Punto Franco Nuovo si riscontra una variazione positiva del +20,43% e 6.361 treni. Tale performance è stata trainata dai risultati di Trieste Marine Terminal (+45,65% con 2.693 treni) e del gruppo Samer (+38,16% con 1.785 treni). Osservando il dato di ottobre, va segnalato inoltre il record storico di movimentazione su base mensile con 914 treni (+11,19% sullo stesso mese del 2017).

Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, ha commentato: “I dati complessivi restituiscono la fotografia di un porto solido, dinamico capace di investire sulla multisettorialità e che continuerà a svilupparsi anche nel 2019: per esempio, l’anno venturo prevediamo un aumento ulteriore del 10% quanto ai treni movimentati nel nostro porto”.

L'Authority di trieste ha reso noto che per pianificare e gestire la costante crescita del comparto treni, è stata di recente istituita una nuova Direzione ferroviaria all’interno dell’ente stesso. La direzione, costituita da 17 risorse con competenze specifiche ferroviarie e di sicurezza, si occuperà di gestire la rete ferroviaria di interesse portuale sotto il profilo tecnico e amministrativo. Altro compito fondamentale sarà progettare e realizzare nuovi interventi a livello infrastrutturale in ambito ferroviario, curandone la manutenzione ordinaria e straordinaria.

Post correlati

Civitavecchia, Musolino: “Prospettive prudenziali finchè non usciamo dalle incertezze di bilancio”

CIVITAVECCHIA – Piena consapevolezza delle questioni che restano ancora sul tappeto per il porto di Civitavecchia, da parte del presidente […]

Civitavecchia chiude il 2021 con un sano ottimismo – Musolino: “Cautela, il 2022 sarà un anno difficile”

Civitavecchia, – Il 2021 si è chiuso con dati di traffico complessivamente positivi per il Network, che da un lato […]

Uniport: “Piano Marshall dei Porti e le modalità di attuazione”, Webinar

Gli investimenti portuali previsti nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e le modalità di attuazione – Webinar in modalità […]


Leggi articolo precedente:
Assoporti in missione a Tokyo, presenta le opportunità di investimento in Italia

TOKYO -  Assoporti (l’Associazione dei Porti Italiani) e Uir (l’Unione degli Interporti Riuniti) in missione in Giappone, presentano a Tokyo,...

Chiudi