lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Terminal San Giorgio, arrivano nuovi mezzi di banchina per i traffici ro-ro di Grimaldi

Terminal San Giorgio, arrivano nuovi mezzi di banchina per i traffici ro-ro di Grimaldi

GENOVA - Due nuovi trattori portuali Terberg modello RT223 4x4 sono statai consegnati - oggi - al Terminal San Giorgio, società del Gruppo Gavio, come parte di una commessa totale di cinque mezzi “gemelli” restanti tre mezzi saranno consegnati nei prossimi mesi, un investimento globale di circa un milione di euro.

“Il potenziamento della flotta di trattori portuali con queste caratteristiche di polivalenza, consentirà a TSG di ampliare notevolmente il ventaglio di servizi e le soluzioni d’imbarco e conferma una volta in più la nostra vocazione di player multipupose, sempre molto apprezzata dalla clientela del nostro terminal”, ha dichiarato l'amministratore delegato della società, Maurizio Anselmo.

Cresce, pertanto, la flotta dei mezzi (circa 20) che il Terminal dedica alle operazioni ro-ro, segmento che continua a registrare crescita e nel quale il Terminal San Giorgio, in partnership con il Gruppo Grimaldi, conferma la propria leadership nel Porto di Genova.

Le caratteristiche dei mezzi:

Questi trattori hanno caratteristiche di grande adattabilità al traino sia di rotabili standard che di carichi eccezionali su roll-trailer platform, e ciò consentirà al TSG di offrire alla propria clientela un’ampia gamma di servizi dedicati all’imbarco, incluso il segmento heavy lift .

Post correlati

Pino Musolino eletto presidente di Medports, lo spagnolo Torrent segretario generale

TUNISI – Pino Musolino,  presidente AdSP del Mar Tirreno Centro Settentrionale, è stato eletto presidente di Medports (Associazione dei Porti […]

Scomparso Francesco Laghezza, ha contribuito allo sviluppo del porto di La Spezia

LA SPEZIA –  E’ scomparso ieri mattina Francesco Laghezza, padre dell’imprenditore Alessandro Laghezza. Nato nel 1940 a La Spezia, ha […]

Terremoto Turchia, il porto di Ceyhan blocca i flussi di petrolio dell’oleodotto Kirkuk-Ceyhan

Molti infrastrutture sono ancora non operative in Türchia a oltre 24 ore dal violento terremoto che si è abbattuto nel […]