lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Palermo, dissequestrata la stazione marittima al via i lavori

Palermo, dissequestrata la stazione marittima al via i lavori

Dopo sette anni di contenziosi ripartono i lavori alla stazione marittima del porto di Palermo dissequestrata.

PALERMO - Dopo sette anni di scontri e contenziosi amministrativi tra l’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale e l’impresa appaltatrice, la So.Co.Stra.Mo, si è sbloccata la vicenda che ha tenuto la stazione marittima del porto di Palermo sotto sequestro per anni, interdetta ai passeggeri e chiusa ai necessari lavori, senza che nulla si muovesse. Oggi, appianate le dispute, si riparte. Lo ha annunciato nel corso di una conferenza stampa il presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, Pasqualino Monti, assieme al sindaco di Palermo Leoluca Orlando, al provveditore interregionale Opere pubbliche Sicilia-Calabria, Donato Carlea e al comandante della Capitaneria di porto di Palermo e direttore marittimo della Sicilia occidentale, C.A. (CP) Salvatore Gravante.

A nove mesi dal mio arrivo alla guida dell’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, il network che tiene insieme i porti di Palermo, Termini Imerese, Trapani e Porto Empedocle, non è ancora il momento di fare bilanci ma di riepilogare quanto è stato fatto e di come abbiamo rimesso in moto una macchina da tempo ferma, sì”, spiega Monti. “Dopo anni di vuota attesa, si sono sbloccati i lavori della stazione marittima, grazie alla intensa e proficua collaborazione con il Provveditorato, nella persona del dottor Carlea, che ha dialogato con So.Co.Stra.Mo. permettendo, in tempi ragionevolmente brevi, di arrivare alla scrittura di una transazione tra l’impresa e l’Autorità di Sistema. Un documento che ha seguito il suo iter, passando al vaglio dell’Avvocatura distrettuale dello Stato, del giudice del Tribunale di Roma e, finalmente, lo scorso 19 giugno, è stato firmato dalle parti. La So.Co.Stra.Mo ha adesso 45 giorni di tempo per consegnarci il progetto esecutivo, quindi inizieranno i lavori che dovranno concludersi entro due anni”.

“Le parole di stima del presidente Montiha detto il provveditore Carlea - rappresentano una ulteriore spinta per continuare a operare in maniera rapida e puntuale per risolvere i problemi difficili: sono le soluzioni complesse a richiedere grande capacità e impegno e a dare le soddisfazioni più grandi. Nella vicenda della stazione marittima, che non era difficile ma difficilissima, il Provveditorato ha dato piena di disponibilità a una stretta collaborazione con l’Autorità di Sistema e con la Capitaneria: inizialmente qualcuno ha detto che sarebbe servito il coraggio della follia. Evidentemente l’abbiamo trovato, e questo ci riempie d’orgoglio”.

Post correlati

Sommariva: S. Stefano Magra sarà interporto – Lsct, l’Authority porrà la dovuta attenzione

Il neo presidente dell’AdSP del Mar Ligure Orientale, Mario Sommariva, nella prima conferenza stampa ha messo in fila i temi […]

Mega: Recovery plan – “Non continuiamo a spendere per sistemi che non servono!”

“Nel Recovery Plan anche fondi per la digitalizzazione della catena logistica. Ma potrebbero non servire a nulla!” É questa la […]

Long Beach chiude il 2020 con il record storico di container (8,1 mln di teu)

Porto di Long Beach – Volumi record nel 2020, lo scalo ha movimentato oltre 8,1 milioni di teu pari ad […]


Leggi articolo precedente:
Certificazioni ambientali per l’Authority di Livorno e Piombino

LIVORNO - L'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale supera le verifiche dell'ente certificatore RINA Services S.p.A, per il...

Chiudi