lorenziniterminal
grimaldi
Ports > L’ormeggio della nave monitorato dall’app /INTERVISTA

L'ormeggio della nave monitorato dall'app /INTERVISTA

Parla Alessandro Serra, presidente EBA (European Boatmen's Association) - Lo Shore Tension System, l'innovazione tecnologica delle modalità di ormeggio -Consente di dare stabilità alla nave e di monitorarne le condizioni. Tutti i dati vengono trasmessi in remoto alle sale operative e ai nostri smartphone. (VIDEO)
GENOVA - La sperimentazione dello Shore Tension System a Genova dura ormai da un anno e mezzo, per una durata globale di quattro anni” – spiega Alessandro Serra, presidente della associazione ormeggiatori europei (EBA), “Si tratta di una . La sperimentazione è avvenuta anche su impulso della direzione de nostro ministero di riferimento e di tutti i soggetti che partecipano alla nostra istruttoria tariffaria”.
La conversazione sulla strumentazione di ormeggio di cui sono dotate le banchine genovesi di PSA Voltri - PRA, avviene a margine del convegno internazionale “Requisiti professionali dei servizi tecnico nautici", organizzato dalle associazioni Angopi, EBA e IBLA che riuniscono gli ormeggiatori nazionali, europei e internazionali.
Spiegando l’utilizzo dello Shore Tension, Serra dice: “E’ uno strumento che ci consente di dare forte stabilità alle condizioni di ormeggio di una nave e di monitorarne le condizioni. E’ un pistone oleodinamico, che reagisce agli impulsi di forza ai quali è sottoposto, noi  connettiamo lo Shore Tension alle bitte portuali e, attraverso operazioni di rinvio, mandiamo il cavo a bordo della nave, quindi colleghiamo la nave alla banchina con cavi che hanno carichi di rottura, così elevati, che sono inusitati, poiché arrivano fino a  150/200 tonnellate. Nel complesso due Shore Tension possono essere equiparati a due rimorchiatori che spingono la nave. Sostanzialmente il problema del vento, che abbiamo a Genova nelle banchine dove utilizziamo lo Shore Tension è esattamente a 90° rispetto alla postazione di ormeggio. Tutti i dati vengono trasmessi in remoto alle nostre sale operative, ai nostri smartphone. Siamo quindi in grado di mettere a sistema e a procedura, l’intervento a tutela della sicurezza dell’ormeggio che è in banchina  e intervenire con procedure operative e non con atteggiamento di emergenza. Quindi per tempo preveniamo e interveniamo sotto il controllo dell’autorità marittima e in collaborazione con piloti e rimorchiatori”

Post correlati

Cena di Natale al Terminal Lorenzini, il 2019 si chiude in positivo

Nel porto di Livorno il Terminal Lorenzini chiude il 2019 con un forte aumento di personale che è passato dai […]

Vado Gateway dalla “visione” alla partenza – Parola d’ordine: “Safety for Life

Inaugurato il nuovo Terminal container Vado Gateway, semi automatizzato,moderno  per l’Italia ma uno standard per il Nord Europa e l’Asia […]

Interporto Vespucci, accordo per il progetto bypass di Pisa e raccordo Corridoio ScanMed

Collegamento ferroviario porto Livorno e Interporto con corridoio Ten-T – sottoscritto il Protocollo per il finanziamento della progettazione del bypass […]


Leggi articolo precedente:
Confitarma: “Marebonus a rischio”

ROMA - Confitarma, lancia un allarme "La concreta applicazione del provvedimento Marebonus è a rischio" Alla vigilia del decreto attuativo di Marebonus, l’incentivo pensato...

Chiudi