Livorno, Microtunnel pronto nel 2022 – TDT, Mignogna: “Velocità non compatibili con il mercato”

porto Livorno

Nuovo progetto del Microtunnel del porto di Livorno, l’AdSP annuncia la ripartenza dei lavori e la consegna dell’opera nel 2022. Secondo il direttore generate di TDT, Marco Mignogna «sono tempi molto dilatati, una velocità che non è compatibile con il mercato».

Lucia Nappi

LIVORNO – L’Autorità di Sistema Portuale di Livorno ha annunciato la ripartenza dei lavori di realizzazione del Microtunnel. Ovvero i lavori che consentiranno, una volta ultimati, di portare a maggiore profondità i fondali nel canale industriale del porto di Livorno.

La funzione del Microtunnel 
L’obiettivo finale è arrivare ad allargare il canale dagli attuali 97 metri a 120 metri, portando la sua profondità a 16 metri nel centro e, a 13 metri sulle sponde, permettendo così il transito delle navi di maggiori dimensioni o con maggiore carico. La realizzazione del microtunnel prevede infatti la rimozione delle tubazioni che dalla Darsena Petroli corrono sino alla Raffineria ENI attraversando il canale di accesso alla Darsena Toscana, in corrispondenza della Torre del Marzocco. Si tratta della realizzazione dei tre pozzi di emungimento, due ai piedi della Torre del Marzocco, il terzo all’interno presso la calata del Magnale messi in comunicazione da un tunnel a sezione circolare che passerà in profondità sotto il canale.

Storia del microtunnel
La partenza dei lavori del Microtunnel risalgono al 2017, poi nel febbraio 2018 l’Authority ne  annunciava la conclusione dei lavori entro l’estate 2018. Ma così non è stato perchè successivamente sono intervenute problematiche di natura tecnica che ne hanno ritardato, fino ad oggi, la ripartenza e il completamento dei lavori. Infatti quando si arrivò alle verifiche tecniche dell’infrastruttura, il tunnel presentava delle infiltrazioni. La vicenda assunse quindi un risvolto legale tra l’AdSP e la ditta realizzatrice dell’opera.  Contenzioso che ad aggi sembra essere risolto poichè l’AdSP in una nota fa sapere: “sono infatti stati definiti i rapporti con l’impresa appaltatrice e il cantiere verrà riaperto domani”.

LEGGI TUTTO
Traffico di armi, si indaga in Senegal - Spezia, Sommariva: "Logistica, normative contro le infiltrazioni"

Pronto tra due anni?
«Per il Microtunnel ci vorranno due anni, sono tempi molto dilatati, una velocità che non è compatibile con il mercato». Commentava con queste parole i ritardi per la realizzazione dell’opera Marco Mignogna, direttore generale di TDT (Terminal Darsena Toscana) sentito da Corriere marittimo  nel maggio scorso –  «La problematica è che non si riescano a fare le opere infrastrutturali in tempi utili. E’ il problema del nostro Paese non solo di Livorno, c’è sempre un ritardo che fa sì che, magari, quando l’opera è pronta è già superata dal mercato che è molto più avanti» concludeva il direttore del terminal container livornese.

Il nuovo progetto
“Spostando le tubazioni dentro il tunnel, sarà possibile risagomare il canale, allargandone e approfondendone la sezione navigabile, facilitando quindi l’ingresso e l’uscita delle grandi navi” –  Lo spiega l’ente portuale – “Il nuovo progetto, già approvato dal Comitato tecnico amministrativo del Provveditorato alle opere pubbliche della Toscana e dell’Umbria, che consente lo scavo in sicurezza del pozzo di recupero sulla sponda del Magnale, prevede la realizzazione di un tappo di fondo con jet grouting e rinforzi metallici, al fine di scongiurare risalite d’acqua dal fondo.
“Si tratta di un passaggio fondamentale per le prospettive a breve termine del porto. Grazie alle capacità dei nostri tecnici e dei periti siamo infatti riusciti a superare le tante difficoltà tecniche e amministrative siamo riusciti a superare” ha dichiarato il presidente dell’AdSP, Stefano Corsini.

“E’ ora un progetto sicuro, volto a minimizzare i rischi di costruzione. A metà del 2022, con la rimozione delle tubazioni dell’ENI dal fondale, il canale di accesso alla Darsena Toscana sarà più ampio e profondo, pronto ad accogliere naviglio di dimensioni sempre maggiori, in attesa dell’entrata in esercizio della Fase 1 della Darsena Europa”.
Sulla base del Cronoprogramma, i lavori, che ripartiranno il 1° settembre, si concluderanno in 350 giorni lavorativi

LEGGI TUTTO
TDT, Mignogna: Pandemia, le compagnie ottimizzano rotte e costi / INTERVISTA

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC