LetExpo, Giampieri (Assoporti): «I porti puntino su infostrutture, infrastrutture e sostenibilità»

Giampieri Errigo

VERONA – Rodolfo Giampieri, presidente Assoporti, intervenuto dal palco di LetExpoLogistics Eco Transport – al panel “European Sea Port and Shipping”  dove i rappresentanti dei porti europei: Valencia, Barcellona e Bilbao, Rotterdam Hanko si sono confrontati  con i rappresentanti del cluster marittimo italiano. Oltre al presidente di Assoporti, Costantino Baldissara, commercial, logistics&operations director Grimaldi GroupEnnio Cascetta, presidente Cluster Tecnologico Nazionale Trasporti – Pino Musolino presidente AdSP Mar Tirreno Centro-Settentrionale – dando vita ad un acceso dibattito, moderato da Antonio Errigo, vice direttore di Alis.

Giampieri nel suo intervento ha richiamato l’attenzione sul ritorno al reshoring e sull’importanza degli scambi via mare, non senza fare riferimento alla progettualità ed ai finanziamenti del PNRR del settore portuale: «Cerco di andare a significare quello che sta succedendo negli ultimi tempi. Si sta tornando a un reshoring robusto e serio, con le grandi aziende, come Ikea per esempio, stanno tornando a produrre nell’area  mediterranea. Un altro esempio è Merloni termo-sanitario, che sta tornando a produrre nelle Marche. Questo perché il controllo della filiera logistica coincide con il controllo della produzione».

«C’è anche un ritorno al magazzino» – ha spiegato – «Tutto ciò si traduce in rotte più brevi, il mare è fondamentale nello scambio di merci. Il 90% della globalizzazione si fa attraverso il mare e la merca arriva a terra attraverso i porti. Questa analisi dà la dimensione di quanto l’Italia debba puntare su alcuni settori» –

Nello scenario internazionale, i porti italiani sono pronti alla competitività? ha chiesto Errigo al presidente di Assoporti:

«Con i finanziamenti del PNRR i porti italiani sono pronti per essere competitivi» – ha risposto Giampieri – «È importante creare i presupposti perché i soldi che arrivano diventino opere compiute e che aumentino in maniera esponenziale la competitività dei porti. Anche perchè i tre filoni madre del PNRR sono modernità vera, si parla di  infostrutture, infrastrutture e sostenibilità. Su questi tre temi si fonda questo universo. Ora però il problema è semplificare le procedure perché altrimenti questo rimane un sogno e non diventa una frealtà indispensabile per la portualità, per l’Italia portuale e non solo. Ma soprattutto per le imprese che creano centinaia di migliaia di posti di lavoro».

Lucia Nappi

LEGGI TUTTO
Presentato il Padiglione Italia al Seafood Expo Global di Barcellona

TDT

Let Expo 2024

Assoporti 50anni

Confindustria Livorno

 

Confitarma auguri

MSC Spadoni

AdSP Livorno

Toremar

 

Blue Forum

MSC