Ports > Le Compagnie Imprese Portuali al fianco di Assoporti: “Authority, nessuna infrazione”

Le Compagnie Imprese Portuali al fianco di Assoporti: "Authority, nessuna infrazione"

ROMA - L'Associazione Nazionale Compagnia Imprese Portuali (ANCIP) interviene in merito alla procedura d'infrazione che la Commissione Europea ha emesso nei confronti delle Autorità di Sistema Portuale sulle imposte delle concessioni e autorizzazioni:
 
"Come Associazione di categoria, che raggruppa la quasi totalità delle imprese art. 17 e numerose imprese art. 16 che operano nei porti italiani, siamo fortemente preoccupati di provvedimenti che vadano a sminuire la capacità di intervento e gestione delle appena Istituite Autorità di Sistema Portuale, interrompendo un processo virtuoso che mira a rilanciare la Portualità Italiana.
Non possiamo che rispondere affermativamente all’appello lanciato dal presidente di Assoporti Zeno D’Agostino e dal presidente di Confetra Nereo Marcucci.
La portualità italiana, tutta, mai come in questo momento deve essere unita e compatta a respingere le richieste che giungono da Bruxelles, tra l’altro in contraddizione con i regolamenti europei e con motivazione difficilmente comprensibile.
E’ bene ricordare come sia sempre stata la stessa Comunità europea a lasciare libertà di scelta su come gestire ed attraverso le sue Autorità Portuali (ora Autorità di Sistema Portuale), proprietario dei porti e delle infrastrutture, ma che permette la gestione delle stesse, così come tutte le operazioni e servizi relativi al cosiddetto “ciclo nave”, ad imprese private autorizzate. Ci pare quindi perlomeno inesatto paragonare le Autorità di Sistema Portuale, Enti pubblici non economici, a delle imprese private. Di conseguenza il voler far apparire le stesse AdSP impegnate in attività economiche è pretestuoso e pericoloso. 
Con queste richieste, l’Europa interferirebbe sul modello gestionale ed amministrativo dei porti italiani. Non vorremmo che queste scelte celassero un tentativo, di avviare una politica amministrare i porti e le infrastrutture interne ad essi. Con la Legge n.84/94 il nostro Paese scelse il modello “Landlord port” con lo Stato che rimane,  privatistica al fine di cambiare la natura pubblicistica dei nostri porti.
ANCIP ribadisce quindi, con forza, il ruolo importante e strategico che le nuove Autorità di Sistema Portuale, in quanto Enti pubblici, hanno nel sistema italiano alla luce anche delle riforme apportate alla Legge n.84/94 dai D.lgs n.169/2016 e n.232/2017. Siamo pertanto disponibili a collaborare, sin da subito, con tutto il cluster portuale ed il Governo italiano per risolvere questa preoccupante vicenda. 

Post correlati

Bruxelles: Sicurezza della navigazione in UE, il pilota di porto professionalità insostituibile

L’UNIONE PILOTI INCONTRA IL PARLAMENTO EUROPEO. BRUXELLES – I piloti dei porti  rappresentano una professionalità insostituibile per garantire la sicurezza della […]

AutoTerminal Gioia Tauro si prevedono 35 assunzioni

GIOIA TAURO – AutoTerminal Gioia Tauro Terminal specializzato nella gestione e movimentazione di autovetture nelle banchine dello scalo calabrese di transhipment, assumerà […]

Venezia: Imbarco eccezionale di project cargo al Terminal Multi Service

VENEZIA – Imbarchi eccezionali ieri mattina dal Terminal Multi Service del porto commerciale di Venezia. Il Terminal è specializzato nel traffico di […]


Leggi articolo precedente:
Cluster Marittimo europeo
I porti italiani silurati dalla concorrenza nord europea? Authority a confronto

Riunione dei presidenti dei porti italiani: Procedura d’infrazione avviata dalla Commissione Europea verso le Authority. Zeno D'Agostino, presidente di Assoporti, - "La risposta è solo...

Chiudi