lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Federlogistica, Merlo al ministro Bellanova: Chiudere i porti per bloccare la contraffazione? Battuta infelice

Federlogistica, Merlo al ministro Bellanova: Chiudere i porti per bloccare la contraffazione? Battuta infelice

Il presidente di FEDERLOGISTICA-CONFTRASPORTO, Luigi Merlo, replica al ministro Bellanova: "Occorre dare più strumenti a Guardia di Finanza e Dogana per bloccare tutti i traffici illeciti senza rallentare la funzionalità dei porti ".

ROMA - La chiusura dei porti per bloccare l'importazione delle merci contraffatte? “Non è questa la soluzione al problema. Quella del ministro è stata probabilmente una battuta infelice, non sono certo i porti i responsabili della contraffazione e della circolazione di merci adulterate". Questa è la risposta di Luigi Merlo. presidente di Federlogistica-Conftrasporto alla dichiarazione dei giorni scorsi del ministro delle Politiche Agricole e del Turismo, Teresa Bellanova - "I porti che voglio chiudere sono quelli della contraffazione"- aveva affermato Bellanova, in un'intervista a Circo Massimo su Radio Capital "Troppe merci contraffatte arrivano in Italia e daneggiano le imprese e i consumatori italiani".

Luigi Merlo replica pertanto al ministro: “La responsabilità è dei diversi esecutivi che si sono susseguiti negli anni senza dare attuazione allo Sportello Unico Doganale e dei Controlli voluto  dal governo Renzi . Gli uffici preposti non sono infatti stati ancora dotati di personale adeguato  dal punto di vista numerico, a partire dagli addetti al controllo della sanità marittima”.

Occorre dare più strumenti a Guardia di Finanza e Dogana per bloccare tutti i traffici illeciti senza rallentare la funzionalità dei porti - aggiunge il presidente di Federlogistica - Per tutelare infine i nostri prodotti sarebbe poi importante imporre i controlli all’origine invece di salutare trionfalmente gli accordi a senso unico con la Cina, Paese dal quale proviene la maggior parte dei prodotti contraffatti e imponendo a tutti i porti europei regole comuni sui controlli”.

Mi auguro che il nuovo governo si impegni fin da subito su questi fronti visto il ruolo fondamentale che hanno i porti italiani nell’economia del Paese”, conclude Merlo.

Post correlati

La giustizia USA accusa spie russe dell’attacco cyber a Maersk

Il Tribunale Federale degli Stati Uniti ha accusato sei ufficiali del Russian Main Intelligence Directorate (GRU) –  l’agenzia di Intelligence […]

Trasporti marittimi e crescita blu, connubio possibile? – Blue Sea Land, 23 ottobre

MAZARA DEL VALLO – “Trasporti marittimi e crescita blu, un connubio possibile?” E’ il titolo del webinar che si svolgerà […]

Blue Sea Land IX° edizione – Expo multiculturale della Blue Economy, 22 al 25 ottobre

MAZARA DEL VALLO – Blue Sea Land IX° edizione 2020 – Expo Multiculturale dei Cluster del Mediterraneo, dell’Africa e del […]


Leggi articolo precedente:
Camion porto
Trasportounito: Rischio intimidazioni e proteste violente nel settore dell’autotrasporto

Trasportounito denuncia episodi di intimidazioni a danno delle aziende di autotrasporto: "episodi che non possono essere sottovalutati o sottostimati". GENOVA...

Chiudi