Ports > D’Agostino in Baviera: “Trieste rail port internazionale, riferimento per il mercato tedesco”

D'Agostino in Baviera: "Trieste rail port internazionale, riferimento per il mercato tedesco"

TRIESTE- Il porto di Trieste  in missione a Monaco di Baviera ha incontrato, presso la Camera di Commercio e dell'Industria di Monaco e dell'Alta Baviera, gli operatori e le istituzioni locali per presentare i nuovi investimenti ferroviari e i piani di sviluppo dello scalo nel rapporto di interscambio commerciali con il territorio della Bavarese al servizio dei traffici con il Far East.

Zeno D'Agostino, presidente dell'Autorità di Sistema triestino durante l'incontro ha sottolinea che nell'ambito del progetto cinese One Belt One Road lo scalo giuliano assume il ruolo di hub privilegiato "grazie alla posizione geografica strategica, fondali naturali per accogliere le grandi navi oceaniche e collegamenti ferroviari giornalieri diretti in tutta Europa. Un "rail port di rilievo internazionale" come l'ha definito D'Agostino, "che si propone come sistema logistico-portuale e industriale di riferimento per il mercato tedesco".

L'evento che è stato promosso dall'Authority, la Camera di Commercio Italo-tedesca e con il patrocinio dell'Ambasciata d'Italia a Berlino, presenti all'evento anche un centinaio di ospiti, tra rappresentanti istituzionali, operatori del settore e giornalisti.
Francesco Leone, consigliere economico dell'Ambasciata d'Italia a Berlino, e Alessandro Marino, Segretario generale della Camera di Commercio Italo-tedesca hanno aperto i lavori, evidenziando il solido legame economico tra Trieste e la Baviera e il ruolo del porto a servizio dei mercati dell'Europa centrale. Concetti ripresi da Alessio Lilli, presidente del Gruppo TAL, che gestisce l'oleodotto transalpino e testimonia concretamente il legame storico che unisce lo scalo giuliano alla Germania. Se Trieste è il primo porto d'Italia e primo scalo petrolifero del Mediterraneo, il merito è di SIOT, che fornisce il 100% del fabbisogno energetico della Baviera e il 40% della Germania, verso cui sono diretti circa 30 milioni di greggio all'anno.

L'Authority ha reso noto che il presidente D'Agostino ha presentato ad ampio raggio investimenti, numeri e statistiche parlando di un "modello Trieste" il cui successo si basa su una governance snella gestita direttamente dall'Authority, a capo di un sistema complesso che include zona industriale, punti franchi e interporti. D'Agostino ha rimarcato anche i grandi passi avanti e sviluppi nel settore ferroviario in corso a Trieste, con investimenti per circa 110 milioni, nonché la strategicità che lo scalo riveste per l'economia della Regione Friuli Venezia Giulia e per il Governo italiano. Per quanto riguarda le relazioni ferroviarie, il 30% dei treni del porto giuliano sono diretti verso la Germania, mentre nel primo semestre dell'anno in corso, 1.467 sono stati i treni coinvolti su questa direttrice con un aumento di quasi il 12% rispetto al primo semestre del 2017. Vari i collegamenti diretti da Trieste alla Germania. Dal molo VII (Trieste Marine Terminal) partono e arrivano 6 coppie di treni settimanali per Monaco, 2 per Burghausen al servizio della Wacher Chemie, una delle maggiori industrie chimiche della Baviera, e 2 per la nuova destinazione di Giengen con un servizio da poco attivato. Dal molo VI (Ekol) invece 9 coppie di treni per Colonia, 4 per Ludwigshafen e 3 per Karlsruhe. Dal terminal della Samer Seaports invece 5 sono i roundtrip per Monaco, 3 per Ludwigshafen, 4 per Duisburg e infine 2 per Wörth.

Gli aspetti tecnici delle relazioni commerciali con Trieste sono stati evidenziati durante la tavola rotonda moderata da Gerhard Grünig, caporedattore della rivista VerkehrsRundschau, a cui hanno partecipato Daniel Jähn di Kombiverkehr, Sebastian Lechner (Associazione dei trasportatori baveresi) e Alexander Goldemund (Associazione degli spedizioneri bavaresi).
Infine, Karin Jäntschi-Haucke in rappresentanza del ministero Bavarese delle Infrastrutture e Trasporti, ha illustrato i progetti in corso per rendere più efficienti i collegamenti tra Italia e Germania attraverso il Brennero, rimarcando il vantaggio competitivo della rotta adriatica via Trieste rispetto ai porti del Nord Europa, in termini di tempo e salvaguardia ambientale. La serata si è conclusa con un momento di networking dedicato agli operatori triestini e bavaresi.

Post correlati

Effetti del raddoppio del Canale di Suez, traffici, indicatori di competitività nel nuovo studio SRM

Il Canale di Suez, raddoppiato nel 2015, continua a rappresentare uno snodo strategico per i traffici marittimi mondiali mercantili; il […]

Livorno, Rixi: I porti dell’arco tirrenico e ligure possono fare sistema e individuare politiche comuni

di Nicolò Cecioni «A più di due anni dall’entrata in vigore del decreto legislativo 4 agosto 2016, n.169, che ha […]

Livorno, Nogarin: Bacino di carenaggio, sfruttare per sperimentazioni a gas e idrogeno

di Nicolò Cecioni LIVORNO- «Dobbiamo sfruttare di più e molto meglio il nostro bacino di carenaggio, che è il secondo […]


Leggi articolo precedente:
In arrivo per Spezia 5,7 milioni per trasporto ferroviario “Penultimo e Ultimo Miglio”

Oltre 5 milioni di euro di finanziamenti in arrivo per il sistema infrastrutturale ferroviario del Porto della Spezia.  LA SPEZIA...

Chiudi