Caso Contship-MSC, Community spezzina parola d’ordine: Non abbassare la guardia

Contship
LA SPEZIA – Forte preoccupazione ma piena disponibilità anche a mettersi in gioco per favorire un chiarimento di eventuali incomprensioni ed equivoci, se di tale si fosse trattato, e tutelare il presente e il futuro del porto di La Spezia.
 
Questa la posizione espressa dalla Port Community degli operatori spezzini sul caso Contship/Msc, ovvero sul rischio che un raffreddamento dei rapporti fra il maggiore gruppo di trasporto container che scala La Spezia e il terminal LSCT, di cui per altro è anche azionista pesante, possa sfociare in un consistente dirottamento di traffico su altri scali del paese.
 
Non possiamo certo restare alla  finestra – afferma la Port Community La Spezia – e abbiamo il dovere di affiancarci all’Autorità portuale per difendere quella formula magica di coesione fra operatori, terminal, istituzioni e operatori, che ha decretato il successo negli anni di quello che è stato giustamente definito il miracolo La Spezia”.
 
Di qui la richiesta della Community, contando anche sulla disponibilità e sulla volontà espressa dal Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, Carla Roncallo, di favorire in tempi brevissimi un confronto concreto e trasparente che coinvolga tutti i players. Parola d’ordine: non abbassare la guardia e non deludere le aspettative di nave e merce di trovare proprio a La Spezia il punto di incontro ottimale.
LEGGI TUTTO
Al via la gara d'appalto di Project Financing per il rilancio del porto storico di Cagliari

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC