lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > HHLA, terminal container in sofferenza -11,2% – Amburgo -11,8%

HHLA, terminal container in sofferenza -11,2% - Amburgo -11,8%

AMBURGO - Il gruppo Hamburger Hafen und Logistik AG (HHLA) -  la società pubblica tedesca che nel settembre scorso è entrata come socio di controllo (50,01%) del terminal multifunzionale Piattaforma logistica di Trieste (PLT) -  ha annunciando i risultati dei primi nove mesi dell'anno. Il gruppo HHLA nel settore terminalistico oltre a gestire tre terminal container nel porto di Amburgo è presente negli scali di Odessa (Ucraina) e Tallinn (Estonia) e a breve a Trieste.

Il gruppo ha annunciato ricavi pari a 959,9 milioni di euro ed un risultato operativo (EBIT) pari a 107,1 milioni di euro, con previsioni 2020 di entrate e utili complessivamente in forte calo. Pertanto nonostante l'impatto persistente della pandemia di coronavirus, il Gruppo HHLA ha registrato un risultato operativo positivo anche se nettamente inferiore (- 38,9%) rispetto allo stesso periodo del 2019. In calo anche i ricavi (-8,1%).

La presidente del consiglio di amministrazione del gruppo, Angela Titzrath, ha dichiarato:  "HHLA ha risposto bene alla pandemia da coronavirus. Le nostre strutture funzionano in modo affidabile e stabile alle condizioni previste dalle autorità per proteggere la salute pubblica. HHLA continua a effettuare i trasporti delle merci di cui la Germania e l'Europa hanno necessità. Questo è qualcosa su cui i consumatori e le aziende possono fare affidamento. Anche se i nostri indicatori di performance sono stati inferiori alle aspettative di inizio dell'anno, il risultato operativo positivo è la prova che il nostro modello di business è resiliente. HHLA può adempiere ai propri obblighi finanziari in ogni momento. Per continuare a rafforzare la nostra redditività futura, stiamo investendo ulteriormente nelle nostre aree di core business e stiamo cercando nuove iniziative di crescita redditizia e soluzioni digitali. Con il nostro ambizioso programma di efficienza, miriamo a ridurre drasticamente i costi nei prossimi cinque anni al fine di mantenere la competitività dei nostri servizi ".

Terminal container 
Nel segmento container, il volume dei container movimentati nei terminal HHLA è diminuito dell'11,2% nei primi nove mesi del 2020 pari a 5.086 mila (TEU). Ciò è stato principalmente dovuto alla perdita  di un servizio con il Far East ad Amburgo e ai blank sailing verificatori in seguito  alla pandemia. Anche il traffico feeder con la regione baltica è diminuito e non ha potuto essere compensato dalla crescita nelle regioni di navigazione tedesca e britannica.
Il volume di traffico nei tre terminal container di Amburgo è diminuito dell'11,8% rispetto allo stesso periodo del 2019. Mentre per quanto riguarda gli altri due terminal, quelli di Odessa e Tallinn hanno registrato una perdita inferiore pari al 5,0% del volume di traffico nello stesso periodo.

Nel settore i ricavi sono diminuiti del 9,4% su base annua pari a 548,4 milioni di euro nei primi tre trimestri del 2020, questo naturalmente a causa della pandemia.

Post correlati

Nel porto di Livorno cresce il traffico ferroviario +56,2% nel primo semestre 2022

LIVORNO – Forte crescita del traffico ferroviario nel porto di Livorno che chiude il primo semestre 2022 con un incremento […]

La Spezia Container Terminal, accordo integrativo II° livello – Premialità su efficienza e sicurezza

LA SPEZIA – La Spezia Container Terminal (LSCT) a pochi giorni di distanza dalla firma dell’Accordo Sostitutivo con l’AdSP di […]

Il Gruppo Smet festeggia il 75esimo anniversario

SALERNO – Il Gruppo SMET  compie 75 anni, fondato a Salerno nel 1947, ha oggi dimensioni internazionali. Nel 2021 ha […]


Leggi articolo precedente:
Attentato alla sicurezza, le accuse agli ex vertici Aspi – Tra gli arresti l’ex a.d. Castellucci

Attentato alla sicurezza dei trasporti e frode alle pubbliche forniture, sono le pesanti accuse che la magistratura di Genova  ha...

Chiudi