Fai, Uggè: “Sicurezza per chi viaggia sui Tir è sicurezza tutti gli utenti della strada”

Autotrasporto

Roma – La cronaca ha riportato, nei giorni scorsi, la notizia di un conducente estero sorpreso a Bari alla guida di un Tir da 17 ore consecutive, con falsa documentazione di viaggio. Sulla questione è intervenuto il presidente della Fai, la Federazione degli Autotrasportatori Italiani, Paolo Uggè: “Sicurezza per chi viaggia sui Tir è sicurezza tutti gli utenti della strada” – ha tenuto a precisare Uggé- “applicare il principio della responsabilità condivisa fra tutti i componenti della filiera del trasporto è indispensabile”.

“L’ha detto anche il presidente Mattarella: la sicurezza nei trasporti e nel lavoro è indice di civiltà”, ribadisce Uggè. “La gente non può che domandarsi perché non si faccia nulla per porre un freno alle stragi sui luoghi di lavoro (la strada è uno di questi), che spesso derivano da pratiche di sfruttamento – prosegue il presidente Fai – Sembra incredibile, eppure le normative esistono e sono chiare, ma non sono fatte rispettare da chi è preposto a garantirne il rispetto”.

“Personalmente ho sensibilizzato ministri e presidenti del Consiglio sulla necessità di responsabilizzare direttamente ogni soggetto della filiera dei trasporti, ma senza avere alcun risultato – ricorda Uggè – La soluzione, prevista da una legge dello Stato, si ritrova nel dlgs n. 286/05 e nel codice della strada”.

“Un esempio per tutti che prende lo spunto dall’intervento accorato di Sergio Mattarella viene dai trasporti di merci pericolose dove spesso si costringono i conducenti, per fortuna non tutti, a soste al caldo in estate e al freddo in inverno, che talvolta superano le 4 ore di attesa – ha specificato il presidente Uggè – Quanto queste attese incideranno sulle condizioni psico fisiche degli autisti appare evidente”.

LEGGI TUTTO
Alis in Assemblea chiede al governo 100mln per Sea Modal Shift e Ferrobonus

Il presidente Fai, che rivolge un appello al presidente della Repubblica, al presidente del Consiglio e al ministero dei Trasporti, sollecita a rimettere in circolazione i ‘Centri di Revisione Mobili’ per rendere più efficaci e accurati i controlli.

Ha concluso il presidente Fai.“Piangere dopo non serve, si smetta di compiere vere e proprie omissioni di atti d’ufficio facendo finta che le norme non esistano, perché da questa responsabilità collettiva nessuno può chiamarsi fuori”,

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC