Sciopero nazionale dei lavoratori dei porti, 48 ore di astensione dal lavoro dal 4 al 5 luglio

Sciopero porti

GENOVA – E’ iniziato a mezzanotte di ieri lo sciopero nazionale dei lavoratori portuali indetto, per il 4 e 5 luglio, da Filt Cgil, Fit Cisl per il  rinnovo del contratto nazionale, scaduto a dicembre 2023, riguardante le funzioni operative e amministrative delle aziende che applicano il Ccnl Porti.

L’astensione dal lavoro di 48 ore del settore, arriva a seguito di una trattativa che non ha prodotto risultati. Già nell’aprile scorso i lavoratori dei porti avevano incrociato le braccia per quattro giorni, dal 2 al 5 aprile. Secondo le organizzazioni sindacali la proposta delle controparti è ancora insufficiente dal punto di vista economico: la perdita del potere di acquisto dei salari deve essere necessariamente recuperata. Il rinnovo del contratto nazionale è importante non solo per la parte economica ma anche per il ruolo centrale che occupa il contratto per la salvaguardia del sistema di lavoro portuale e la difesa della dignità dei lavoratori.

Livorno:
I lavoratori del sistema portuale livornese hanno annunciato in una nota che sciopereranno ininterrottamente per 48 ore dal 4 al 5 luglio: “La mobilitazione è indetta dalle segreterie provinciali Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti”-  “Chiediamo con forza un aumento economico utile al recupero del potere d’acquisto perso, ulteriori miglioramenti delle condizioni di lavoro e degli standard di sicurezza e una implementazione del sistema di welfare. Le proposte avanzate dalle parti datoriali sono del tutto insufficienti, un vero e proprio schiaffo nei confronti dei lavoratori: per questo motivo abbiamo deciso di alzare il livello della protesta.
Nei giorni scorsi si sono svolte le assemblee con i lavoratori: i portuali sono pronti a incrociare le braccia per far valere i propri diritti e tutelare la propria dignità.
Nel porto di Livorno per le intere giornate del 4 e 5 luglio saranno allestiti presìdi di protesta davanti al varco Galvani, varco Valessini e varco di accesso al terminal Darsena Toscana.

LEGGI TUTTO
Si costituisce il gruppo Giovani Raccomar Puglia - De Girolamo e Piliego al vertice

Genova:
La Filt Cgil di Genova ha annunciato che alle 4 del mattino del 4 luglio ha iniziato il presidio di tutti i varchi portuali (Psa G.P; Varco di Ponente; Ponte Etiopia; Varco San Benigno/Albertazzi/Passo nuovo) e domani 5 luglio si svolgerà un’assemblea generale di tutti i lavoratori a Ponte Etiopia. I sindacati chiedono aumenti delle retribuzioni per recuperare il potere di acquisto dei salari perso a causa dell’inflazione.

Trieste, Monfalcone e Gioia Tauro:
Nei porti di Trieste, Monfalcone e Gioia Tauro lo sciopero è iniziato il 2 luglio e psegue il 3, 4 e 5 luglio. La Uiltrasporti in una nota ha informato che l’adesione allo sciopero dei portuali di Trieste, Monfalcone e Gioia Tauro, è stata altissima, con punte di adesione del 95%. Le ragioni che hanno portato allo sciopero sono: “Recupero salariale, sicurezza e maggiori tutele sono i punti fermi da cui non possiamo arretrare e ci auguriamo che le parti datoriali tornino al tavolo delle trattative con proposte più vicine alle nostre rivendicazioni”.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC