lorenziniterminal
grimaldi
Governance > Corsini dice no al sindaco di Livorno nel Comitato di gestione

Corsini dice no al sindaco di Livorno nel Comitato di gestione

Livorno – Stefano Corsini, presidente dell’Authority di Livorno e Piombino, ha respinto la nomina del sindaco Filippo Nogarin quale rappresentante del Comune di Livorno nel comitato di gestione dell’Authority stessa. Poche ore dopo – come scrive il quotidiano Il Tirreno – il sindaco ha reso nota la decisione di Corsini con un post sulla propria pagina Faceboook. Una decisione che non stupisce perché già nei mesi scorsi Nogarin e Corsini erano stati protagonisti di scontri proprio per quanto riguarda le nomine nel comitato di gestione. E in particolare durante una riunione del Propeller di Livorno Corsini aveva messo in rilievo il fatto che per la legge nei nuovi comitati di gestione portuale devono essere nominati tecnici con competenze professionali specifiche, gli stessi che sono previsti per i presidenti delle Authority. A sua volta il sindaco Nogarin subito dopo l’arrivo della lettera di rifiuto a palazzo comunale ha scritto il post in cui, fra l’altro, dice di essere un ingegnere con esperienze portuali specifiche. Il sindaco inoltre mette in rilievo che recentemente per la gestione di altri comitati portuali non erano state bocciate analoghe nomine di amministrazioni comunali a conduzione PD come quella della presidente della della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani e del sindaco di Genova Marco Doria.

Ma ecco cosa scrive Nogarin sul post di Facebook: “La legge non è uguale per tutti. C’è una legge per i sindaci e i politici targati PD e una per tutti gli altri. L’Autorità portuale ha giustificato il proprio rifiuto sottolineando di voler salvaguardare l’impronta tecnica e non politica di questo nuovo organismo, ma c’è una doppia contraddizione. La prima – prosegue Nogarin – è che la mia nomina è appunto tecnica, validata dalla giunta comunale solo dopo un attento esame del mio curriculum. La seconda contraddizione è ancora più marcata: prima di me si sono autonominati alla stessa carica nel Comitato di gestione delle rispettive Authority sia il sindaco di Genova Marco Doria che la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Deborah Serracchiani. In quel caso nessuno ha sollevato obiezioni nonostante i loro curricula siano estremamente meno tecnici del mio: io sono un ingegnere aerospaziale e mi sono sempre occupato di logistica e portualità, tanto da ricoprire a tutt’oggi, vista la mia esperienza, appunto, il ruolo di presidente di Anci Porti”. Pertanto Nogarin conclude : “ Non intendo arrendermi e impugnerò la decisione nelle sedi opportune e come Movimento 5 Stelle presenteremo un’ interrogazione in Parlamento in merito, per capire il perché di questo doppiopesismo.”

 

Post correlati

Assoporti, Giampieri: Preoccupazione per l’instabilità politica e i possibili effetti sulla portualità

Roma: “L’ipotesi di instabilità politica ci preoccupa perché si colloca in un momento di grandi incertezze a livello mondiale, e […]

Crisi di Governo, rinviato il fermo nazionale dell’autotrasporto

A conferma del grande senso di responsabilità, che ha sempre caratterizzato la categoria, l’autotrasporto italiano ha deciso di sospendere la […]

La replica/Accademia Navale Livorno: «Avviata una verifica su “asserite” irregolarita concorsuali»

LIVORNO – «In merito a quanto pubblicato sul quotidiano “Il Tirreno” relativo alle asserite irregolarità concorsuali durante le fasi di […]


Leggi articolo precedente:
Duci: I porti italiani ancora troppo dipendenti dal Mit e da Delrio

GENOVA- "Dopo anni abbiamo un ottimo ministro, Graziano Delrio è fra i pochi ad avere avuto questa attenzione al settore. Però...

Chiudi