lorenziniterminal
grimaldi
Environment > Va alla deriva la petroliera in fiamme Sanchi – Rischio affondamento, si teme il danno ambientale

Va alla deriva la petroliera in fiamme Sanchi - Rischio affondamento, si teme il danno ambientale

Sta andando alla deriva la petroliera iraniana Sanchi che il 6 gennaio è rimasta coinvolta nella collisione, avvenuta  al largo della costa orientale della Cina, con la nave CF Crystal di Hong Kong. Secondo le informazioni che fornisce il ministero dei trasporti cinese, la petroliera si trova adesso in acque giapponesi a circa 65 miglia nautiche a sud dal punto della collisione, a causa  forti venti che l'hanno spinta lontano dalla costa cinese.
 
Le ricerchee  dei superstiti
Al momento rimangono dispersi i 31 marinai dei 32 membri dell'equipaggio della nave, l'unico corpo recuperato è stato inviato alle autorità per il riconoscimento.   Il ministero cinese fa sapere che fino a questo momento le ricerche sono avvenute con le squadre di soccorso, scandagliando un'area di ricerca di oltre 1.000 miglia, tuttavia i gas velenosi emessi dalla nave divorata dalle fiamme insieme alle intemperie ostacolano le operazioni di ricerca dei superstiti. Inoltre le esplosione interne alla nave avvenute l'11 gennaio hanno allontanato le 14 navi di salvataggio che perlustravano l'area circostante per la ricerca dell'equipaggio superstite. Secondo il portavoce della compagnia armatoriale proprietaria della Sanchi, la National Iranian Tanker Company (NITC), dal momento che la sala macchine della nave non è direttamente colpita dal fuoco e si trova a circa 14 metri sott'acqua, c'è ancora speranza che l'equipaggio abbia trovato riparo in questa parte.
Rischio affondamento e danno ambientale
La nave al momento dell'impatto viaggiava a pieno carico di greggio, pertanto si teme fortemente che a causa dei danni subiti dallo scafo, aggravati dalle esplosioni interne e  dall'incendio, la nave possa affondare causando un grave danno ambientale. 

Post correlati

8 giugno, giornata per la pulizia dei fondali – Parte l’operazione “Spazzamare”

Si chiama “Operazione Spazzamare” – partirà lunedì 8 giugno – si tratta della più importante giornata di pulizia dei fondali […]

Assocostieri, istanze su revisione sussidi a fonti fossili e carburanti alternativi

Roma – Assocostieri, l’Associazione nazionale della logistica energetica, in audizione con la segreteria tecnica del ministro dell’Ambiente per rappresentare le […]

Gli armatori europei promotori di energia pulita nel mondo

BRUXELLES – La Giornata marittima europea, celebrata il 20 maggio, è stata un’occasione per evidenziare le attività legate al mare […]


Leggi articolo precedente:
Ai nastri di partenza la nuova associazione degli armatori italiani usciti da Confitarma

ROMA - Sarà guidata dall'armatore genovese Stefano Messina, l'associazione che riunirà gli armatori italiani fuoriusciti da Confitarma per disaccordi interni al Consiglio....

Chiudi