lorenziniterminal
grimaldi
Energy > Produzione di energia in porto, accordo Enel X e Fincantieri

Spadoni

Produzione di energia in porto, accordo Enel X e Fincantieri

Realizzare e gestire nei porti l'elettrificazione delle banchine, cold ironing, per le navi ormeggiate e per le attività logistiche di terra - Gestire e ottimizzare nei porti gli scambi di energia, i sistemi di accumulo e di produzione di energia elettrica.
E' quanto prevede la lettera di intenti siglata tra Enel X (global business line innovativa di Enel) e Fincantieri (tra i leader mondiale nella cantieristica navale) che si propone di dare un nuovo impulso al processo di decarbonizzazione ed elettrificazione dei consumi energetici portuali, per realizzare e gestire nei porti infrastrutture di nuova generazione a basso impatto ambientale e per l’elettrificazione delle attività logistiche a terra.

Cold ironing

In Italia e successivamente negli altri Paesi europei, gli interventi di cold ironing riguarderanno un numero crescente di porti e banchine. L’iniziativa permetterà di creare una rete capillare europea di cold ironing.La partnership prevede che le iniziative messe in campo in Italia possano essere replicate anche in altri Paesi come Spagna, Portogallo e Grecia.
La lettera di intenti potrà essere oggetto di successivi accordi vincolanti che le parti definiranno nel rispetto dei profili normativi e regolatori applicabili, ivi inclusi quelli in materia di operazioni tra parti correlate.

In Italia e successivamente negli altri Paesi europei, gli interventi di cold ironing riguarderanno un numero crescente di porti e banchine. L’iniziativa permetterà di creare una rete capillare europea di cold ironing.

“Il trasporto marittimo rappresenta una quota significativa di emissioni di gas a effetto serra. Le emissioni del settore ammontano a circa 940 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, pari a circa il 2,5% delle emissioni globali di gas serra. Enel e Fincantieri stanno unendo le forze per favorire la decarbonizzazione dei consumi navali in porto” ha dichiarato Eliano Russo, Head of e-Industries, Enel X. “Il 90% dei porti europei si trova in aree urbane e l’opinione pubblica in molte città portuali denuncia l’inquinamento, il rumore e le vibrazioni prodotti dai motori delle navi ferme in banchina. Lo sviluppo del cold ironing permetterà di evitarlo, grazie alla connessione elettrica delle navi ferme in banchina con la terraferma. Digitalizzazione, sostenibilità e innovazione ci permettono oggi di offrire tecnologie intelligenti e efficienti per il rilancio del settore portuale e marittimo in Europa”.

Laura Luigia Martini, CEO Business Advisor ed Executive Vice President Corporate Business Development di Fincantieri, ha commentato: “Lo sviluppo di infrastrutture smart e integrate e la tutela del territorio proietterebbero il sistema portuale nazionale in una nuova fase, caratterizzata dai principi della sostenibilità. In virtù delle intese con Enel X metteremo a disposizione di un programma altamente innovativo il nostro patrimonio di competenze per porre le basi di un’autentica transizione green e digitale, che potrà avere uno straordinario riverbero sull’economia blu italiana e non solo”.

Post correlati

Eni chiude il cracking di Porto Marghera «farà spazio a produzioni alternative»

Chiude definitivamente il cracking del petrolchimico di Porto Marghera, oltre all’impianto degli aromatici – E’ l’annuncio dato a dall’amministratore delegato […]

Olt, Small Scale Lng – Venturi: Più navi a Gnl se il Recovery fund supportasse gli armatori

Il primo rifornimento di navi a Gnl in Small Scale in Italia è iniziato nell’ottobre scorso a Spezia, a quanto […]

Accordo Maersk Tankers e Cargill per l’ingresso nel mercato del bunker

Maersk Tankers e Cargill hanno annunciato il lancio di un nuovo servizio congiunto di acquisto di bunker inizialmente per le […]


Leggi articolo precedente:
Gioia Tauro
Manovra ferroviaria nel porto Gioia Tauro, approvato il regolamento

GIOIA TAURO - Approvato dal Comitato portuale di Gioia Tauro il “Regolamento comprensoriale della manovra ferroviaria nel porto di Gioia...

Chiudi