lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Wista Italy spenge 25 candeline – Le celebrazioni a Genova

Wista Italy spenge 25 candeline - Le celebrazioni a Genova

GENOVA - WISTA Italy ha celebrato i 25 anni della sua nascita. Una giornata di festeggiamenti in concomitanza con il World Maritime Day Port of Genoa, il 25 ottobre scorso. La mattina a bordo della Costa Fortuna con il convegno  che WISTA Italy ha organizzato in sinergia con: Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, Costa Crociere S.p.A., International Propeller Club - Port of Genoa, e Federazione del Mare. Infine i festeggiamenti della serata riservata alle socie Wista, presso il prestigioso Palazzo del Principe sempre a Genova, per il momento di convivialità e per spengere le 25 candeline.

DANIELA ARESU, Presidente WISTA Italy:

"Siamo nate nel 1994, grazie alla illuminata intuizione di 4 socie genovesi. Oggi Wista è una presenza, importante, piena di contenuti e significato” - ha detto la presidente di Wista Italy, Daniela Aresu, Daniela Aresudurante la serata - “Non solo donne dello shipping" – ma anche professioniste dei settori  - “dei trasporti, della logistica, dei servizi portuali” che si sono distinte e "sono state capaci di conquistare ruoli importanti” - “Queste splendide amiche, queste donne che in 25 anni sono riuscite a trasformare la loro competenza e intelligenza individuale in competenza e intelligenza collettiva, hanno scommesso anche in Wista per connotare un ruolo e una presenza non scontata, mai banale".

Dopo 25 anni un bilancio quindi molto positivo per gli importanti obiettivi raggiunti: "Wista è riuscita a raggiungere gli obiettivi che si era prefissata" - ha detto la presidente, il 2019 inoltre si è connotato come “un anno di svolta nella consapevolezza e nel riconoscimento del ruolo e del talento femminile" - "Aver celebrato in tutto il mondo, come tema del World maritime Day, il tema dell'Empowering Women in the Maritime Community” ha accresciuto la consapevolezza dell’importanza della gender equality e acceso i riflettori sul contributo del lavoro femminile nel settore marittimo".
"Pensiamo che questo sia dovuto anche al ruolo forte di Wista international che, con oltre 3500 socie in 46 paesi, può vantarsi di aver acquisito in ambito IMO lo status di Consultative".
“Con la consapevolezza che abbiamo iniziato un percorso importante" - ha pertanto concluso Aresu - "stiamo portando avanti un progetto serio e ci attende un grande futuro”.

COSTANZA MUSSO, Armatrice e Cavaliere del lavoro:
"Se pensiamo che 25 anni fa delle donne coraggiose hanno pensato di mettere su una associazione di donne del mare, la cosa è commovente" - ha commentato durante la serata l’armatrice Costanza Musso, Cavaliere del Lavoro, Amministratore Delegato Gruppo Grendi Armatori (VIDEO) - "25 anni dopo siamo qua, festeggiamo questo importante compleanno. Si è fatta tanta strada, però ce ne è ancora tanta da fare, c’è una soglia da passare. Dipende da noi e dalla nostra capacità di creare un’alleanza con il mondo maschile, che deve però essere un’alleanza per sfondare per farcela e per avere reali pari opportunità. Uscire dal ruolo di eterne assistenti e diventare delle interlocutrici dello stesso livello".

Lucia Nappi

Post correlati

2M e THE Alliance, 75 blank sailing nel terzo trimestre – Le navi dirottate da Suez

LIVORNO – Sono al momento 75 i  blank sailing annunciati dai consorzi  2M e THE Alliances per il terzo trimestre […]

Sei su dieci tra i maggiori armatori globali chiedono gli aiuti di Stato

LIVORNO  – La questione degli aiuti di Stato negli ultimi mesi è tornta in cima all’agenda della politica e degli […]

Assarmatori, sostegno ai servizi di linea – No alle crociere di cabotaggio

ROMA – Un comunicato stampa di ASSARMATORI in cui l’associazione spiega la propria contrarietà  all’emendamento ispirato da Confitarma per permettere […]


Leggi articolo precedente:
Nave Bonita
Nuovo attacco dei pirati, rapiti 9 marittimi nel Golfo del Benin

COTONOU - Un ennesimo assalto dei pirati al largo delle coste dell'Africa Occidentale, nel Golfo del Benin ai danni della...

Chiudi