lorenziniterminal
grimaldi
Governance > Milleproroghe, Assarmatori e Confitarma: Imbarco semplificato marittimi e Marebonus

Milleproroghe, Assarmatori e Confitarma: Imbarco semplificato marittimi e Marebonus

ROMA - Le richieste avanzate da Assarmatori e Confitarma, le associazioni degli armatori italiani, nell'ambito delle audizioni informali al Senato, svolte ieri pomeriggio, e relative al decreto legge Milleproroghe approvato a fine dicembre scorso.

In primo piano le misure volte a semplificare l’imbarco dei marittimi italiani nei porti nazionali e, le misure riguardanti l’incentivo Marebonus per stimolare la domanda di trasporto merci combinato mare-terra.

Assarmatori ha fatto sapere di aver chiesto di “estendere l’efficacia della norma contenuta nel decreto ‘Cura Italia’ che aveva disposto la semplificazione di numerose procedure previste dal Codice della Navigazione, fra cui in particolare la possibilità, da parte del comandante di una nave, di stipulare tutti i contratti di arruolamento dei membri dell’equipaggio e, per quanto riguarda il Marebonus, non disperdere i fondi già stanziati con precedenti provvedimenti che per un rallentamento dei procedimenti attuatori e regolativi non si sono riusciti a distribuire”.

Il segretario generale dell’associazione, Alberto Rossi, ha sottolineato che “in entrambe le circostanze si tratta di proposte a costo zero ma che, se accolte, rappresenterebbero un segnale fortissimo per il nostro settore. Nel primo caso, infatti, sarebbe un piccolo ma importante passo avanti nell’ottica della semplificazione; nel secondo si avrebbe un beneficio straordinario, contribuendo a supportare un asset come le Autostrade del Mare in cui gli armatori italiani sono leader nel mondo”.

Secondo le richieste avanzate da Confitarma: “La proroga al 31/12/2023 della norma (art. 103-bis) che consente, anche nei porti italiani, l’arruolamento del personale marittimo tramite la procedura semplificata già prevista dal Codice della navigazione per gli imbarchi sulle navi di bandiera italiana in porti esteri”.

Luca Sisto, direttore generale di Confitarma ha specificato:  “tale semplificazione è stata apprezzata – nell’ambito del ‘Tavolo del mare’, istituito presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dall’Amministrazione e dalle parti sociali che hanno condiviso la necessità non solo di prorogare tale procedura semplificata, ma di renderla strutturale”.

Rispetto alla misura Marebonus, Confitarma ha specificato: “L’approvazione dell’emendamento relativo al Marebonus, presentato insieme ad Assarmatori, che chiede di ‘recuperare’, senza alcun costo per l’erario, i 39 milioni di euro stanziati dalla legge di bilancio 2021 per l’annualità 2022, destinandoli alle successive annualità 2023 e 2024. “Le difficoltà legate all’adozione del regolamento di attuazione, infatti, hanno impedito l’impegno degli stanziamenti previsti per il 2022 e si rischia, se non verrà accolto l’intervento normativo da noi proposto, di assottigliare ancora di più le risorse, già ridotte rispetto a quelle del vecchio Marebonus”.

 

Post correlati

Fitto: “Raggiuti gli obiettivi del PNRR in scadenza il 31 dicembre 2022”

ROMA – “Sono stati raggiunti i 55 obiettivi previsti dal PNRR per il secondo semestre 2022″ – Lo ha annunciato […]

Porti francesi aperti alla Ocean Viking, l’apprezzamento di Palazzo Chigi: “Soluzione condivisa”

“Esprimiamo il nostro sentito apprezzamento per la decisione della Francia di condividere la responsabilità dell’emergenza migratoria, fino ad oggi rimasta […]

Caro energia e materie prime, Regione Toscana avvia Tavolo con le associazioni di categoria

Regione Toscana, Tavolo su caro energia e materie prime – Promuovere azioni condivise per arginare i disagi del sistema economico […]