Mar Rosso/ Gli attacchi Houthi trainano le tariffe alle stelle, Shanghai-Genova +114%

CMA CGM

LIVORNO – Gli attacchi delle milizie yemenite alle navi commerciali nella parte meridionale del Mar Rosso non si arrestano. L’ultimo attacco del 2 gennaio scorso , ai danni della portacontainer Cma Cgm Tage, e fortunatamente non colpita, è il 24esimo dal 19 novembre.

Nel frattempo le compagnie hanno annunciato il blocco delle navi nel Mar Rosso e nel Canale di Suez, dirottandone la navigazione intorno all’Africa meridionale, e l’aumento delle tariffe che ormai sono lievitate di oltre il 100% sulle rotte Asia – Nord Europa e Asia – Mediterraneo.

Le compagnie
Il 2 gennaio la compagnia francese CMA CGM ha annunciato l’aumento delle tariffe container (Freight All Kinds – FAK rates) sulla rotta Asia – Nord Europa, a partire dal 15 gennaio, fino al 100% rispetto al 1° gennaio, pari a 3.200 USD (per container da 20”) e 6.000 USD (per container da 40’).
La svizzera MSC ha aumentato i prezzi poiché le navi vengono dirottate intorno all’Africa meridionale anziché attraversare il Mar Rosso e il Canale di Suez.
Il 2 gennaio, Maersk ha esteso la sospensione dei servizi attraverso il Mar Rosso e il Golfo dello Aden, a sud dello Yemen, “fino a nuovo avviso”.

World Container Index di Drewry:
Rialzo delle tariffe evidenziato dal World Container Index (WCI) di Drewry di questa settimana (4 gennaio) con una traiettoria di crescita da oltre un mese, per l’esattezza dal 30 novembre.

L’indice composito WCI di Drewry del 4 gennaio è pari a 2.670 dollari per container da 40 piedi, dall’analisi comparata risulta:
aumentato del 61% a 2.670 dollari ed è aumentato del 25% rispetto alla stessa settimana dell’anno scorso;
– aumentato dell’88% rispetto alle tariffe medie del 2019 (pre-pandemia) di 1.420 dollari.
– inferiore di 3 dollari rispetto al tasso medio decennale di 2.673 dollari (che è stato gonfiato dall’eccezionale periodo Covid 2020-22).

LEGGI TUTTO
Obbligazionisti Moby, pronti a sostenere la ristrutturazione dei debiti

DREWRY WCI

Le tariffe di trasporto da Shanghai a Rotterdam sono salite alle stelle del 115%, ovvero da 1.910 a 3.577 dollari per FEU.
Seguite dalle tariffe sulla tratta Shanghai-Genova che sono aumentate del 114% ovvero da 2.222 dollari a 4.178 dollari per box da 40 piedi.

Più moderata la crescita delle tariffe sulle tratte:
Shanghai-Los Angeles sono aumentate del 30%, ovvero da 626 a 2.726 dollari per container da 40 piedi.
Shanghai a New York sono aumentate del 26%, ovvero da 784 dollari a 3.858 dollari per feu.
Rotterdam a Shanghai sono aumentate del 17%, ovvero da 80 a 546 dollari per box da 40 piedi.
Rotterdam a New York sono aumentate del 2%, ovvero da 23 dollari a 1.503 dollari per scatola.

Sono invece stabili le tariffe sulle tratte:
Los Angeles a Shanghai e da New York a Rotterdam rimangono stabili. La Drewry prevede che le tariffe spot est-ovest aumenteranno nelle prossime settimane, a causa della situazione nel Mar Rosso/Suez.

DREWRY WCI

 

Crisi politica
La situazione geo-politica globale è sempre più critica e gli Stati Uniti il 3 gennaio hanno pubblicato la dichiarazione in cui una coalizione di 12 Stati, tra i quali anche l’Italia, richiede ai ribelli Houthi l’interruzione immediata delle aggressioni: “il rilascio delle navi e degli equipaggi illegalmente detenuti”. Minacciando delle “conseguenze”, dichiarazione che potrebbe essere il presagio di un’azione militare di terra nello Yemen.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC