lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > In Cina presto vaccini monodose per i marittimi – La domanda di marittimi cinesi vaccinati sale alle stelle

In Cina presto vaccini monodose per i marittimi - La domanda di marittimi cinesi vaccinati sale alle stelle

A breve vaccinazioni one-shot per i marittimi cinesi, le somministrazioni saranno effettuate  in 11 porti della Repubblica popolare cinese.

PECHINOChina Shipowners 'Association, l'associazione degli armatori cinesi, ha scritto alle autorità sanitarie e dei trasporti di Pechino affinchè venga messo a disposizione dei marittimi nei  principali porti  della Repubblica popolare cinese (in tutto 11 porti) un vaccino anti Covid-19  a somministrazione unica. Il vaccino monodose è stato approvato recentemente dalla Cina.

Finora ai marittimi cinesi sono stati somministrati vaccini Sinovac o Sinopharm a doppia dose, ma presto la categoria potrà ricevere l'iniezione a somministrazione unica CanSinoBIOLogics, rendendo più facile la vaccinazione degli equipaggi delle navi.

Il vaccino, sviluppato da CanSino e dall'Academy of Military Medical Sciences, utilizza un adenovirus modificato per indurre anticorpi neutralizzanti contro il virus Covid-19. Il vaccino proprio per la caratterisca dell'inizione unica, si adatta bene alle esigenze dei lavoratori marittimi che trascorrono lunghi periodi in mare.

A tal fine, InterManager, l'associazione che rappresenta l'industria dello ship management, ha rivelato di essersi assicurata un ordine con Johnson & Johnson per 1 milione di dosi di vaccino anti Covid-19 a dose unica per il valore di 22 milioni di dollari.  Tuttavia, per effettuare e ricevere l'ordine InterManager deve collaborare con un ente governativo riconosciuto, in linea con l'attuale diritto internazionale, cosa che sta ancora cercando di finalizzare.

La vaccinazione dei marittimi cinesi, sta proseguendo più lentamente rispetto  ai loro coetanei di Paesi come l'India e le Filippine, tanto che negli ultimi mesi le dinamiche dell'equipaggio stanno notevolmente cambiando.

La Cina è uno dei Paesi che ha già riconosciuto i marittimi come lavoratori strategici, le richieste salariali dei marittimi cinesi, in questi mesi, sono salite alle stelle, soprattutto in alcuni settori come quello delle petroliere. Il salario dell'equipaggio cinese è già del 5% più alto rispetto a tutte le altre principali nazionalità, compresi gli indiani e gli europei dell'est. Inoltre a seguito dei recenti divieti di ingresso aereo dall'India e dalle Filippine, la domanda di marittimi cinesi vaccinati è aumentata notevolmente.

La Cina è il Paese da cui proviene il numero maggiore, a livello globale, di marittimi per navi mercantili, seguito da Filippine e India, anche se tradizionalmente gran parte del personale marittimo cinese è impiegato nelle compagnie armatoriali nazionali.

 

Post correlati

Terminal container, capacità di crescita in lieve calo al 70% per il 2025

Previsioni sulla capacità di crescita dei porti container globali – L’interruzione globale della catena di approvvigionamento non ha influito sulle […]

Hapag Lloyd e Forto accordo sui biocarburanti per trasporti marittimi green

Partnership tra il carrier globale di container Hapag-Lloyd e Forto società di logistica e soluzioni tecnologiche applicate alla catena di […]

A MSC Tessa il primato, momentaneo, di portacontainer più grande al mondo (24.116 teu)

SHANGHAI – Si chiama MSC Tessa ed è la portacontainer più grande del mondo con una capacità di 24.116 TEU. […]


Leggi articolo precedente:
Pirateria
Confitarma impegnata a contrastare la pirateria nel Golfo di Guinea

Confitarma ha sottoscritto la dichiarazione "The Gulf of Guinea Declaration on Suppression of Piracy" iniziativa nata per contrastare il fenomeno...

Chiudi