lorenziniterminal
grimaldi
Environment - Sustainability > ICS e Intercargo lanciano la tassa sulle emissioni navali di carbonio

ICS e Intercargo lanciano la tassa sulle emissioni navali di carbonio

Una tassa per ogni tonnellata di CO2 emessa dalle navi che superano le 5.000 tonnellate di stazza lorda. 

BRUXELLES - Gli armatori globali potrebbero dover pagare una nuova tassa sulle emissioni di carbonio delle navi. È la proposta congiunta che le associazioni armatoriali mondiali - International Chamber of Shipping (ICS) e Intercargo- hanno lanciato per accelerare gli sforzi del settore verso la transizione green. 

La proposta prevede un prelievo sui contributi obbligatori, a cui sono soggetti gli armatori, per ogni tonnellata di CO2 emessa dalle navi che superano le 5.000 tonnellate di stazza lorda.

ICS rappresenta oltre l'80% della flotta mercantile mondiale, mentre Intercargo è l'associazione di categoria degli armatori dry bulk shipping.

Considerando che circa il 90% del commercio mondiale si muove via mare, il trasporto marittimo globale rappresenta quasi il 3% delle emissioni mondiali di CO2. Il settore è pertanto sottoposto a forti pressioni per accelerare il processo di riduzione delle emissioni. 

I contributi confluirebbero quindi in un "fondo per il clima" da utilizzare per la realizzazione, nei porti di tutto il mondo, di infrastrutture per il bunkeraggio  di combustibili green come l'idrogeno e l'ammoniaca.

"Il trasporto marittimo necessità di una misura che agisca a livello globale, come questa, e che interviene sul mercato  per  ridurre il divario di costo tra i combustibili a zero emissioni di carbonio e i combustibili convenzionali", ha affermato il segretario generale dell'ICS Guy Platten.

La proposta è stata presentata all'agenzia marittima delle Nazioni Unite, l'Organizzazione marittima internazionale (IMO).

Un portavoce dell'IMO ha fatto sapere che tutte le proposte sono benvenute e saranno oggetto di discussione entro la fine dell'anno, aggiungendo che "le proposte su misure basate sul mercato sono in linea con la strategia iniziale dell'IMO sui GHG (gas serra)".

L'IMO terrà una riunione del gruppo di lavoro intersessionale prevista per la fine di ottobre, in vista di una sessione di fine novembre del Comitato per la protezione dell'ambiente marino, che affronterà questioni tra cui gli sforzi per la riduzione del carbonio.

La Commissione europea a luglio ha proposto di aggiungere il trasporto marittimo al mercato del carbonio del blocco, prendendo di mira un'industria che per più di un decennio ha evitato il sistema UE di tasse sull'inquinamento.

Una tassa sul carbonio guidata dall'IMO consentirà un maggiore contributo dell'industria a livello globale poiché le preoccupazioni crescono in merito alla regolamentazione da parte di giurisdizioni separate come l'UE.

L'ICS ha affermato che approcci "pezzi" come la proposta dell'UE complicherebbero significativamente "la conduzione del commercio marittimo".

"ICS ritiene che un MBM globale obbligatorio basato su un prelievo sia fortemente preferibile a qualsiasi applicazione unilaterale e regionale di MBM alla spedizione internazionale, come quella proposta dalla Commissione europea".

Post correlati

Confitarma – ForMare: Partito il primo corso italiano per Medici di Bordo

ROMA – Tra il dire e il fare, stavolta, non c’è di mezzo il mare! – afferma Fabrizio Monticelli, CEO […]

Porto Canale di Cagliari, costituita KALPORT l’Agenzia per il Lavoro Portuale del Transhipment

CAGLIARI – E’ ufficialmente costituita la K.A.L.POR.T. s.r.l. ovvero la Karalis Agenzia per il Lavoro Portuale del Transhipment che, pertanto, […]

PNRR in Toscana, conoscere l’andamento “in dati reali” – Libero accesso al sito on line

FIRENZE – La Regione Toscana ha annunciato il sito www.pnrr.toscana.it, attraverso il quale chiunque si potrà collegarsi per avere ‘in […]


Leggi articolo precedente:
Terminal SanGiorgio
Genova, Terminal San Giorgio ottiene il riconoscimento per il Nuovo Centro di Ispezione

Terminal San Giorgio. nel porto di Genova, ottiene il riconoscimento del ministero della Salute per il nuovo Centro d’Ispezione di...

Chiudi