Hapag Lloyd, Rolf Habben Jansen: “Trasporto marittimo container, tariffe insostenibili”

Le nubi si addensano sul cielo delle compagnie globali - "Tariffe insostenibili" per "Costi di trasporto aumentati in modo significativo" dice il CEO di Hapag Lloyd, Rolf Habben Jansen
Hapag Lloyd

Rolf Habben Jansen, CEO di Hapag Lloyd,  quinto vettore globale, intervenendo con la stampa ha parlato dei radicali cambiamenti nello scenario del trasporto marittimo di container. Pesano le preoccupazioni sull’andamento dell’economia globale, una domanda fiacca e tariffe di trasporto “troppo basse” -“insostenibili” anche a fronte di un aumento significativo delle spese di trasporto (+3% per la compagnia tedesca).

“Le tariffe di trasporto marittimo globale di container hanno raggiunto livelli insostenibili” – ha detto Rolf Habben Jansen – “Ci sono tariffe spot che sono chiaramente al di sotto del costo. Nel lungo periodo, questo in genere non regge. Ogni volta che tutto diventa negativo in contanti, le persone prendono le misure che devono essere prese per regolare i tassi leggermente al di sopra del costo”.

“L’indice del trasporto containerizzato di Shanghai ha toccato il fondo all’inizio del secondo trimestre dopo essere sceso sotto i 1.000 dollari per TEU, ma si sta muovendo a malapena.
I costi di trasporto, nel frattempo, sono aumentati in modo significativo, ha affermato Habben Jansen, citando tra gli altri fattori un mix di inflazione e aumenti dei costi del carburante e del lavoro.
Le spese di trasporto dell’azienda sono aumentate del 3% su base annua nel primo trimestre del 2023 a 1.324 dollari/teu.

Habben Jansen ha dichiarato di aspettarsi che a tempo debito si stabilizzeranno a 1.250-1.750 dollari/teu, ma questo sarà comunque superiore del 25% rispetto ai livelli pre-pandemia. La società a maggio ha confermato la sua previsione per l’intero anno 2023 con un utile prima di interessi e tasse (EBIT) compreso tra 2 e 4 miliardi di euro.

Hapag Lloyd, risultati primo trimestre 2023

Nel primo trimestre 2023 nel complesso i risultati del vettore tedesco sono rimasti stabili e i livelli dei tassi sono significativamente al di sopra dei livelli pre-pandemia, nonostante le forti riduzioni dei tassi e il forte calo della domanda di mercato.

LEGGI TUTTO
Non si arresta il rialzo dei noli per i container - I caricatori europei lanciano un grido d'allarme

Il volume nel primo trimestre dell’anno è sceso del -4,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, ma secondo i dati relativi al volume del mercato globale marittimo dei contenitori, pubblicati dal britannico Container Trade Statistics Ltd, l’8 maggio scorso,  il volume del mercato globale è diminuito del -6,7% e quindi Hapag-Lloyd ha aumentato leggermente la propria quota di mercato globale.

Secondo l’analista di settore Lars Jensen dal confronto con il primo trimestre 2019 prepandemia, il volume di Hapag è sceso del -3% rispetto a un calo del mercato del -1%. In altre parole, la compagnia sta lentamente riguadagnando parte della quota di mercato persa durante la pandemia.

Se il volume globale di CTS viene visto nel contesto del volume movimentato da Hapag-Lloyd, la quota di mercato di Hapag è stata del 7,3% nel primo trimestre 2019, del 7,0% nel primo trimestre 2022 e del 7,1% ora nel primo trimestre 2023.

Le tariffe medie globali di trasporto per Hapag sono diminuite del -28% rispetto allo scorso anno, che tuttavia sono state anche le migliori del mercato che infatti è sceso del -49%.

Quello che emerge maggiormente è che il tasso di trasporto medio globale di Hapag Lloyd nel primo trimestre 2023 è ancora superiore dell’85% rispetto al primo trimestre 2019. Ciò sottolinea che, nonostante i forti cali dei tassi, le condizioni di mercato viste nella loro totalità non sono negative per il vettori nel 1° trimestre. 

Sulle rotte del Transpacifico il tasso realizzato nel 1° trimestre 2023 è stato di 1.861 USD/TEU rispetto ai 930 USD/TEU pre-pandemia.

LEGGI TUTTO
Marittimi ucraini e russi, 14,5% della forza lavoro imbarcata globale - A rischio il cambio equipaggi

Sulle tratte Asia-Europa dell’Estremo Oriente, il loro tasso realizzato nel 1° trimestre 2023 è stato di 2.176 USD/TEU rispetto ai 1.338 USD/TEU pre-pandemia

Lo stesso vale per tutte le rotte commerciali della compagnia: i tassi rimangono significativamente più alti rispetto al pre-pandemia.

Per quanto riguarda i tassi spot della compagnia, come del resto per il complessivo mercato, questi sono molto bassi, “tuttavia questi da soli non riflettono l’intero mercato”, commenta nell’analisi l’inglese Lars Jensen.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC