lorenziniterminal
grimaldi
Environment - Sustainability > Empowerment femminile: “Occupazione e imprenditoria a Livorno, ipotesi di miglioramento” – Soroptimist

Empowerment femminile: "Occupazione e imprenditoria a Livorno, ipotesi di miglioramento" - Soroptimist

LIVORNO - Convegno dal titolo "Empowerment femminile. Dall’analisi dell’occupazione e dell’imprenditoria a Livorno alle ipotesi di miglioramento", svolto a Livorno e promosso da  Soroptimist International Club Livorno, con il patrocinio delle Amministrazioni Comunale e Provinciale.

Durante l'incontro sono stati illustrati i dati dell'occupazione e dell'imprenditoria toscana, con particolare attenzione ai numeri riguardanti la città di Livorno. L'analisi, illustrata dalla ricercatrice IRPET Natalia Faraoni, ha fotografato una tessuto occupazionale e imprenditoriale femminile fortemente colpito dalla crisi innescata dal Covid, le cui conseguenze hanno impattato economicamente sul territorio.

Sono intervenuti alla conferenza - coordinata da Fiorella Chiappi, presidente Soroptimist Livorno - per la Provincia: Pietro Caruso e la consigliera di Parità, Cristina Cerrai - Per il Comune di Livorno: la vicesindaca, Libera Camici,  l'assessore al Lavoro, Formazione e Innovazione, Gianfranco Simoncini e l'assessore al Sociale Andrea Raspanti.

Le socie Soroptimist del gruppo Empowerment Femminile: Elisa Amato, Cristiana Conti, Sonia Faccin e Alessandra Martuscelli hanno parlato delle interviste da loro realizzate ad alcune imprenditrici locali, la cui esperienza, storie di difficoltà e di successi sono racchiuse nell'opuscolo de “I Quaderni del Soroptimist Club di Livorno” (Interviste a imprenditrici livornesi) fresco di stampa.

Passione, determinazione, pazienza, ma anche volontà di valorizzare le tradizioni familiari e territoriali, secondo Martuscelli sono i tratti che accomunano le storie delle imprenditrici intervistate, tra le quali l'impresa Ca’ Lo Spelli, scelta rurale e sinergia familiare, Loretta Fanella pasticciera di livello internazionale, Paola Ghiomelli “orgoglio e passione nel mondo dei Garden Center” che ha seguito le orme di famiglia, Gloria Giani signora dello shipping, Darya Majidi imprenditrice della Hi-tech, Susanna Pensabene nella moda dal 1977, Maddalena Ughi ristoratrice specializzata in cucina giapponese, e Daniela Vianelli di Itinera voce della cultura locale.

Nella seconda sessione, coordinata da Sonia Faccin,  sono intervenute le rappresentanti delle associazioni Territoriali: Valeria Masoni, Terziario Donna - Confcommercio, Camilla Bonelli, direttrice Cescot Formazione Confesercenti, Milly Iovino, presidente CID CNA Livorno.

A conclusione dei lavori è stato consegnato il premio "Leadership femminile" alla presidente della Caritas livornese, suor Raffaella Spiezio, per i molti anni di volontariato svolto a Livorno e in particolare durante la difficile fase della pandemia.

Post correlati

Il Gruppo Laghezza tramite INTEGRA entra nel settore delle energie rinnovabili

LA SPEZIA – Il Gruppo Laghezza diversifica ulteriormente la sua attività ponendo la barra al centro su un progetto di […]

I porti delle Stretto contro il femminicidio promuovono “Posto Occupato”

MESSINA – Nel 9° Anniversario dell’ideazione di Posto Occupato, l’AdSP dello Stretto promuove liniziative iniziative volte sollecitare l’attenzione contro il […]

Tragico incidente nel porto di Aqaba, nube di cloro uccide 13 lavoratori, 250 gli intossicati

AQABA – Grave incidente nel porto di Aqaba, in Giordania, dove la fuga di una nube di cloro sprigionata a […]


Leggi articolo precedente:
Luciano Guerrieri
Livorno, Guerrieri (AdSP): “Autoproduzione, no ad una deregulation sulla pelle dei lavoratori”

LIVORNO - «Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha messo in moto risorse importanti per rilanciare i porti italiani...

Chiudi