lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Container/ Alphaliner, MSC primo dei vettori globali, cavalca il futuro con il portafoglio ordini

Spadoni

Container/ Alphaliner, MSC primo dei vettori globali, cavalca il futuro con il portafoglio ordini

É avvenuto il sorpasso, MSC é la più grande compagnia al mondo nel trasporto marittimo di container per capacitá di teu. 

La compagnia svizzera con una capacità di trasporto complessiva pari a 4.284.728  teu, supera la danese Maersk con 4.282.840 teu, che scende al secondo posto per una manciata di teu, esattamente 1.888.

Lo attesta la graduatoria Top 100 di Alphaliner, societá di analisi e ricerca francese di riferimento per il settore dello shipping.

Ma a guardar bene un altro dato rilevante é che i due vettori si partiscono una quota di mercato equa, con un rispettivo 17,0% del totale. Seguono con il 12,6% la francese CMA CGM (terzo posto) e con l'11,6% la compagnia di Stato cinese COSCO Group.

Altri dati che rendono una fotografia più completa sono quelli relativi alla flotta (di prorietá e in charter) e  riguardo agli sviluppi futuri degli attuali orderbook nei cantieri.

Le Flotte

La flotta MSC é composta da 645 navi, di cui 260 di proprietá (per 1.510.435 teu di capacitá) e 385 unitá in charter (per 2.774.293 teu) il 64,7% della flotta totale.

Mentre per Maersk il dato numerico  della flotta é di 738 navi, superiore rispetto alla collega svizzera di ben 93 navi,  di cui 330 di proprietá  (per 2.480.020 teu) e 408 unitá in charter (per 1.802.820 teu) il 42,1% della flotta esistente.

Pertanto é vero che é avvenuto il sorpasso per capacitá di teu, ma la quota di mercato che le due compagnie si spartiscono, attualmente, é paritaria a fronte di una flotta con un maggior numero di navi di proprietá da parte della compagnia danese. Pertanto  una competizione ancora alla pari tra i due giganti del trasporto globale di container.

Del resto l'amministratore delegato di Maersk, Soren Skou, lo aveva puntualizzato nelle scorse settimane: essere al primo posto  non ha importanza, la compagnia é concentrata su nuovi investimenti e nell'espansione della logistica di terra. L'obiettivo della compagnia specificava Skou "é crescere con i nostri clienti sollecitando quelli esistenti ad acquistare servizi logistici da Maersk piuttosto che dai suoi rivali con un’offerta ampliata nel trasporto terrestre”.

Orderbook

Peró in una proiezione futura guardando al portafoglio ordini depositati nei cantieri, l'espansione della flotta MSC appare inarrestabile con 60 navi per una capacità di trasporto pari a 999.808 teu (23,3% della flotta esistente). Mentre gli orderbook di Maersk si attestano su 25 unitá (per 255,20 teu). 

É anche interessante il dato della taiwanese Evergreen Line, settima nella Top Ten di Alphaliner,  che vedrà nei prossimi anni un incremento di 607,406 teu di capacitá (67 navi) pari al 41,1% della flotta esistente.

Tra le altre informazioni é da evidenziare la crescita della taiwanese Wan Hai  che mette a segno 421.202 teu, sostituendo al decimo posto della graduatoria l'israeliana ZIM che scende di una posizione, nonostante il suo incrementato di quasi il 15% e 413.862 teu.

Post correlati

AP Møller-Mærsk, prosegue il programma di riacquisto di azioni proprie e sale al 3,70% del capitale sociale

AP Møller – Mærsk Holding A/S aggiornamento, stamani, sull’esecuzione del programma di riacquisto di azioni proprie. Dal 2,90% del capitale sociale, […]

Crisi Ucraina e logistica – Maersk sospende il servizio per Azov, seguirà un effetto domino?

COPENAGHEN – Maersk sta sospendendo il servizio di trasporto marittimo per il porto di Azov in Russia. Per quanto riguarda […]

Franco Maria Rondini direttore generale della nuova compagnia Kalypso, gruppo Rif Line

Kalypso, la nuova compagnia di navigazione di proprietà di Rif Line gruppo di logistica internazionale, la nuova compagnia che vede […]


Leggi articolo precedente:
Ningbo Zhoushan
Cina, variante Omicron – Il porto di Ningbo-Zhoushan a rischio blocco

La Cina ha scelto la politica della tolleranza zero nei confronti del Covid, questa strategia del governo aumenta il rischio...

Chiudi