Shipping > Confitarma al Tavolo Tecnico con ABI e Banche

Confitarma al Tavolo Tecnico con ABI e Banche

Si è svolta presso l’ABI, l'associazione che rappresenta le banche che operano in Italia, la periodica riunione del “Tavolo Tecnico ABI -Confitarma - Banche”.
 
ROMA - Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti ai massimi livelli delle due associazioni, rispettivamente, per ABI, l'associazione che rappresenta le banche che operano in Italia, Gianfranco Torriero, Vice Direttore Generale, e Raffaele Rinaldi, Responsabile Ufficio Credito, per Confitarma Mario Mattioli, Presidente, Luca Sisto, Direttore Generale, Fabrizio Vettosi, Consigliere confederale con delega sulla materia finanziaria, e Marco Quadrani, Capo-Servizio Commissione Finanza e Diritto d’Impresa.
 
All’incontro erano presenti anche le principali banche attive nel comparto dello shipping.
Nel corso della riunione, il cui esito ha confermato lo spirito di grande collaborazione che caratterizza da tempo il confronto tra i partecipanti, sono stati affrontati i temi di maggiore rilevanza che caratterizzano il mercato del credito con particolare riferimento allo shipping, nonché i recenti trend che caratterizzano il settore armatoriale.
 
Gianfranco Torriero ha illustrato i principali temi di attenzione riguardo l’evoluzione della regolamentazione europea sulle banche e come eventualmente tali disposizioni potrebbero incedere sull’accesso al credito delle imprese. Ha quindi aggiornato i presenti sul processo di definizione della Capital Requirement Regulation (CRR) e del nuovo accordo di Basilea in materia di requisiti minimi di capitale per le banche.
 
Mario Mattioli ha rappresentato le istanze delle aziende associate a Confitarma, evidenziando, anche nell’interesse delle stesse banche, la strategicità del ruolo dell’armatore e del management quale miglior soggetto deputato a tutelare il valore delle impresa e degli asset nelle fasi critiche della ristrutturazione finanziaria, e di conseguenza di come, a volte, sia opportuno fare riflessioni profonde da parte delle stesse banche, prima di procedere alla cessione del proprio credito al fine di meglio preservare tale valore.
 
Fabrizio Vettosi, ha illustrato l’esito del lavoro sviluppato unitamente ad ABI ed ECSA, per evitare modifiche alle regole di Basilea che possano comportare conseguenze negative per il finanziamento del comparto dello shipping. Ha riferito, inoltre, in merito al progetto di intervenire nella fase di implementazione dell’Accordo di Basilea a livello europeo per ottenere possibili miglioramenti del quadro regolamentare relativo alle esposizioni nel comparto dello shipping. Infine, ricollegandosi a quanto affermato dal Presidente Mattioli, ha sollecitato una maggiore flessibilità e rapidità nella negoziazione dei piani di ristrutturazione per renderli più adattabili al contesto shipping, le cui variabili sono mutabili nel tempo anche a causa di fattori casuali, esogeni ed improvvisi.

Post correlati

Il gruppo Messina torna a scalare a Napoli, dopo 5 anni di assenza

GENOVA – La compagnia di navigazione Ignazio Messina & C. dopo cinque anni, torna nel terminal Co.Na.Te.Co/ Soteco di Napoli. La […]

Fincantieri costruirà 2 nuove navi da crociera a LNG per TUI Cruises

MONFALCONE – Lo stabilimento di Fincantieri di Monfalcone costruirà 2 navi da crociera di nuova concezione a propulsione a gas (Liquid Natural […]

d’Amico Tankers: Accordo per la vendita della nave “handy” Cielo di Milano

LUSSEMBURGO – La d’Amico Tankers D.A.C. (Irlanda), società controllata operativa del gruppo d’Amico International Shipping S.A. (DIS), ha firmato un […]


Leggi articolo precedente:
Irrilevanti per la dogana gli accordi sul transfer pricing

Studio Armella   GENOVA - La Corte di giustizia, con la sentenza 20 dicembre 2017, causa C-529/16, afferma che gli...

Chiudi