lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Assarmatori, Messina: “Registro internazionale, necessaria meno burocrazia”

Spadoni

Assarmatori, Messina: "Registro internazionale, necessaria meno burocrazia"

GENOVA - “Una flotta mercantile italiana esiste ancora ed è pure molto competitiva, soprattutto nel settore traghetti Ro-Ro e Ro-Ro Pax, dove l’Italia è leader nell’Unione Europea per tonnellaggio e merce movimentata”. Lo ha affermato oggi Stefano Messina, Presidente di Assarmatori, intervenendo alla Genoa Shipping week.

Le misure fiscali e contributive introdotte con il Registro Internazionale nel 1998 - ha ricordato Messina - hanno raddoppiato la flotta mercantile di bandiera italiana, che dai poco più di 8 milioni di tonnellate di stazza lorda di allora, ancora oggi, nonostante un periodo di decrescita, si mantiene superiore ai 15 milioni di tonnellate.

“Ora, però - ha aggiunto Messina - tutto il sistema si trova davanti a un bivio e, a seconda della strada che imboccherà, ci potrà essere un nuovo rilancio. L’Italia (come auspicato anche da Assarmatori) si sta avviando a modificare l’ordinamento del Registro Internazionale secondo l’impostazione indicata dall’UE, ossia allargando i benefici per l’occupazione marittima previsti dalla legge 30/98 anche alle navi che battono bandiera di un Paese europeo o dello Spazio Economico Europeo.

Il problema è che dalle procedure di arruolamento dei lavoratori ai collaudi e le ispezioni ai sistemi di comunicazione, dall’arruolamento dei medici di bordo alle procedure d’ispezione dei carichi al rilascio e il rinnovo dei certificati di sicurezza, non c’è quasi norma o procedura italiana che non sia più farraginosa e costosa di quelle imposte dalla media degli altri paesi europei”.

“A questo punto - ha concluso Messina - senza una seria opera di semplificazione e de-sburocratizzazione, il rischio di una migrazione verso registri più efficienti e meno costosi è assolutamente reale soprattutto per il naviglio impegnato nei traffici internazionali”.

Post correlati

AP Møller-Mærsk, prosegue il programma di riacquisto di azioni proprie e sale al 3,70% del capitale sociale

AP Møller – Mærsk Holding A/S aggiornamento, stamani, sull’esecuzione del programma di riacquisto di azioni proprie. Dal 2,90% del capitale sociale, […]

Crisi Ucraina e logistica – Maersk sospende il servizio per Azov, seguirà un effetto domino?

COPENAGHEN – Maersk sta sospendendo il servizio di trasporto marittimo per il porto di Azov in Russia. Per quanto riguarda […]

Franco Maria Rondini direttore generale della nuova compagnia Kalypso, gruppo Rif Line

Kalypso, la nuova compagnia di navigazione di proprietà di Rif Line gruppo di logistica internazionale, la nuova compagnia che vede […]


Leggi articolo precedente:
Porti Alto Tirreno, riunito il Tavolo per il Patto del Lavoro

Si è riunito in Autorità di Sistema Portuale il Tavolo per il Patto del LavoroDurante la riunione, espresso dai partecipanti...

Chiudi