lorenziniterminal
grimaldi
Shipping > Accordo Fincantieri-Windstar da oltre 200 mln per l’allungamento e ammodernamento di 3 navi

Accordo Fincantieri-Windstar da oltre 200 mln per l'allungamento e ammodernamento di 3 navi

Contratto da oltre 200 milioni quello tra Fincantieri e Windstar che prevede il piano di allungamento e di ammodernamento di 3 navi nel cantiere di Fincantieri di Palermo-

TRIESTE – Firmato il contratto per un valoire di oltre 200 milioni di euro tra il Gruppo Fincantieri e la compagnia armatoriale Windstar Cruises (gruppo Xanterra Travel Collection) specializzata nel settore delle crociere di alta gamma. L'accordo prevede un ampio piano di allungamento e di ammodernamento che vedrà coinvolte 3 navi della flotta, e per il cui finanziamento è previsto l’intervento di SACE, l’agenzia italiana di credito all’esportazione.

Si tratta delle tre navi: “Star Breeze”, “Star Legend” e “Star Pride”,  le attività previste saranno svolte dalla funzione “Ship Repair & Conversion” presso lo stabilimento Fincantieri di Palermo. L'inizio lavori lo si prevede a primavera 2019 con l’inizio della costruzione del primo troncone di allungamento e si concluderanno entro novembre 2020 con la consegna della terza ed ultima unità, con una sosta media in cantiere di circa quattro mesi per ciascuna nave.

Il programma, denominato “Star Plus”, prevede su ogni unità tre principali fasi d’intervento: l’allungamento di circa 26 metri; il rinnovo pressoché totale dei macchinari e delle sistemazioni di apparato motore; e infine l’ammodernamento di buona parte delle sale pubbliche e delle cabine.

Quanto all’allungamento, la nuova sezione sarà inserita a centro nave e conterrà 50 suite passeggeri addizionali, che rappresentano il 47% in più dell’attuale capacità, 19 cabine addizionali per staff ed equipaggio, due nuovi ristoranti e ulteriore spazio da adibire a sun deck-pool area. Gli attuali motori principali, riduttori e diesel-generatori saranno sostituiti con nuovi motori di ultima generazione conformi allo standard IMO Tier III corredati da SCR, nuovi riduttori, nuovi alternatori e nuovo quadro elettrico principale. L’ammodernamento riguarderà molteplici aree di bordo sia interne che esterne, in particolare il ponte piscina, la SPA, che sarà anch’essa ampliata e completamente ricostruita, le “Owner Suites” e anche alcune aree comuni dell’equipaggio.

Le tre navi oggetto del programma hanno attualmente una lunghezza di 134 metri, una stazza di circa 10.000 tonnellate e una capacità di 212 passeggeri. Al termine dei lavori ogni nave sarà lunga circa 160 metri, avrà una stazza di circa 13.000 tonnellate e sarà in grado di ospitare 312 passeggeri.

Il presidente di Windstar, John Delaney, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di annunciare il progetto multimilionario Star Plus, un investimento significativo per il futuro di Windstar Cruises. Questa iniziativa è la nostra soluzione fuori dall’ordinario per aggiungere nuove possibilità e importanti miglioramenti all’esperienza degli ospiti. Il programma non crea solo nuove suite e aree pubbliche, ma ci permette anche di cogliere l’occasione per rinnovare l’apparato motore delle navi con un sistema di propulsione più efficiente in termini di consumo di carburante e di impatto ambientale. Questo sarà un vero punto di svolta per Windstar e la nostra esperienza di crociera di alta gamma”.

Giorgio Rizzo, Executive SVP della Divisione Services di Fincantieri, ha commentato: “Siamo estremamente lieti di aver concluso con successo questa trattativa con un cliente prestigioso come Windstar. Questi tre progetti hanno una straordinaria valenza per entrambe le società sotto molteplici punti di vista. Sotto il profilo strategico, innanzitutto, con un programma di grande impatto che consolida il ruolo di Fincantieri Services e del cantiere di Palermo come leader mondiale nel comparto delle riparazioni e trasformazioni navali. Anche dal punto di vista commerciale, siamo orgogliosi di avere un nuovo cliente che si affida a noi per il suo piano di ampliamento e ammodernamento di metà della sua flotta. Dal punto di vista tecnologico, l’esecuzione di questi tre progetti richiederà capacità ingegneristica e di project management di altissimo livello che sarà dispiegata per tre volte nell’arco di un solo anno dimostrando la competenza della nostra organizzazione”.

Post correlati

“Dalla merce varia al container, come il Teu ha cambiato la supply chain” – Propeller Club Livorno

LIVORNO – “Dalla merce varia al Container, come Sua Maestà il teu ha cambiato la Supply Chain quindi la nostra […]

Intitolato a Giuseppe Bono il Centro consulenze strategiche e analisi sull’economia del mare

GENOVA – E’ stato intitolato a Giuseppe Bono, il manager protagonista del grande rilancio dell’industria cantieristica italiana, recentemente scomparso, il […]

Genova, nave si inclina su di un lato durante le operazioni di carico al Terminal Messina, Genova

GENOVA  – Nave si inclina nel porto di Genova, presso il Terminal Messina. Ormeggiata al Molo Canepa la general cargo […]