Tutela Made in Italy, lotta al traffico di stupefacenti e rifiuti – I risultati 2023 dell’ADM Livorno

Porto Livormnp

Livorno – Nell’ambito dell’importante lavoro di tutela del Made in Italy, della lotta al traffico di stupefacenti e di rifiuti, l’Agenzia delle Dogane e Monopoli (ADM) di Livorno nel corso del 2023 ha raggiunto importanti risultati.

Nel corso anno sono, infatti, stati sequestrati un totale di 520 Kg di cocaina pura occultata in diverse spedizioni. Lo fa sapere in una nota l’ADM di Livorno: il quantitativo avrebbe fruttato sul mercato dello spaccio oltre 35 milioni di euro. Le attività, effettuate in collaborazione con la Guardia di Finanza di Livorno, hanno portato anche all’arresto di soggetti che avevano il compito di recuperare la sostanza illecita occultata.

L’attività di contrasto al contrabbando aggravato sulle merci importate, oggetto di false dichiarazioni di valore o di qualità, ha portato, oltre al sequestro preventivo di beni e provviste di denaro, alla contestazione e al recupero effettivo dei diritti doganali evasi, tra cui il dazio, voce di entrata del bilancio unionale, per oltre 120 mila euro.

Sempre in materia di contrasto al contrabbando, degno di nota è anche il sequestro di un autocaravan di ingente valore.

In materia di tutela del marchio e dell’origine sono stati sequestrati oltre 500 capi di abbigliamento contraffatti, 700 capi di abbigliamento recanti una falsa etichettatura Made in Italy, oltre a 23.328 Kg di parchetti in legno e 23.112 Kg di lettiere per gatto con origine cinese non esplicitata.

Sono stati effettuati 6.574 controlli in linea, tra VM (Visite Merci), CD (Controlli Documentali) e CS (Controlli Scanner). Sono state inoltre portate a compimento 399 operazioni di campionamento merce inviata per analisi ai Laboratori Chimici dell’Agenzia.

Particolare attenzione è stata rivolta alla verifica della sicurezza dei prodotti che hanno varcato le frontiere, attività che ha portato a effettuare sequestri amministrativi di oltre 126 mila Kg di parquet di origine cinese non a norma, di 17.500 faretti per illuminazione da incasso, 825 Kg di martinetti idraulici, 2.800 borse sportive confezionate con materiali cancerogeni, e di respingere all’estero oltre 10.000 Kg di agenti chimici non conformi al Regolamento CLP.

LEGGI TUTTO
Santi Casciano nuovo amministratore delegato di Vado Gateway e Reefer Terminal

Per quanto riguarda le attività di contrasto al traffico illecito di rifiuti, va evidenziato il sequestro di oltre 8 tonnellate di rottami destinati in Africa.

Degni di nota anche i risultati sul piano amministrativo con oltre 8 milioni di euro di maggiori diritti accertati e garantiti all’erario.

Al di là delle funzioni di controllo, anche nel corso del 2023 particolare evidenza ha avuto il ruolo di sostegno alle imprese e in generale al tessuto economico livornese svolto dall’Ufficio, con 470 autorizzazioni doganali rilasciate, comprese 36 certificazioni AEO (operatore economico autorizzato) tra nuove autorizzazioni e monitoraggi. Importante, inoltre, il riconoscimento di rimborsi per oltre 5 milioni di euro, distribuiti attraverso 661 provvedimenti emanati e con il rilascio di circa 600 nuove licenze e 300 registri fiscali.

Di particolare attualità è anche il tema delle attività legate all’importazione di GNL (Gas Naturale Liquefatto) attraverso i rigassificatori, attività che ha avuto un significativo incremento con l’implementazione del secondo rigassificatore (che si aggiunge al terminale OLT, collocato a circa 12 miglia marine dalla costa livornese operativo da diversi anni), entrato in funzione nel porto di Piombino a maggio 2023 con 15 importazioni nel periodo in esame.

I risultati raggiunti nei diversi settori evidenziati non devono far dimenticare che l’Amministrazione Doganale è in particolar modo impegnata nel campo della semplificazione e razionalizzazione delle operazioni doganali. In questo senso vanno ricordati i notevoli progressi in alcuni progetti di innovazione tecnologica condotti insieme all’Autorità di Sistema Portuale che hanno generato significative aspettative da parte della comunità portuale e delle istituzioni locali, la cui implementazione risulta in una fase piuttosto avanzata.

Dal 5 dicembre scorso infatti è stato attivato lo Sportello Unico delle Dogane e dei Controlli (SUDOCO) che per gli operatori economici offre un’interfaccia unica per la richiesta dei provvedimenti necessari alle procedure di ingresso/uscita delle merci, inviando le informazioni solo una volta (once only) e per le amministrazioni/enti/organi dello Stato che intervengono nel processo di entrata e uscita delle merci consente alla Dogana di attuare il coordinamento dei controlli (one stop shop) affinché questi si svolgano contemporaneamente e nello stesso luogo.

LEGGI TUTTO
La Spezia Container Terminal, in arrivo il servizio MedGulf di CMA CGM e COSCO

Il porto di Livorno è il secondo in Italia dove il SUDOCO è disponibile e attivo, permettendo, così, una maggiore efficienza in termini di velocità dei controlli, la garanzia al commercio di traffici certi e tempestivi e la possibilità di monitorare il ciclo di vita dell’operazione doganale, mediante tracciamento documentale e fisico delle merci.

Il programma di digitalizzazione dei porti ha previsto l’attivazione a Livorno del primo modulo già a novembre 2022 del Port Tracking, programma che permette l’ingresso/uscita delle merci attraverso un tracciamento informatizzato e di verificarne la posizione in tempo reale. Ma è nel corso degli ultimi mesi del 2023 che con la sinergia tra AdSP del Mar Tirreno Settentrionale e ADM sono stati conclusi significativi avanzamenti per la digitalizzazione dei varchi doganali e per una più completa implementazione del Port Tracking che avrà piena funzionalità già con le prime settimane del 2024 arrivando, così, a una movimentazione delle merci molto più snella grazie all’interoperabilità dei diversi attori coinvolti all’interno del porto.

TDT

Blue Forum 2024

Assoporti 50anni

PSA Italy

MSC Spadoni

Confitarma auguri

AdSP Livorno

Toremar

MSC