lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Taranto, taglio del nastro per la banchina di Levante, presente la vice ministra Belanova

Spadoni

Taranto, taglio del nastro per la banchina di Levante, presente la vice ministra Belanova

Il porto di Taranto inaugura la “Banchina di Levante – Molo San Cataldo” alla presenza della vice ministra delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Teresa Bellanova.

TARANTO - Taglio del nastro, stamani, nel porto di Taranto per la  “Banchina di Levante - Molo San Cataldo”, presente alla cerimonia inaugurale la vice ministra delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Teresa Bellanova, che è tornata nella città dei due mari a pochi mesi dall’avvio dei lavori, a fine luglio di quest’anno. Il completamento dei lavori della banchina di Levante del Molo San Cataldo, oltre ad ammodernare la parte più storica del Porto di Taranto, rappresenta una ulteriore opportunità di valorizzazione della infrastruttura ai fini turistici, contribuendo alla affermazione della Città - Porto di Taranto come destinazione crocieristica nel Mediterraneo.

Porto taranto

 

«C'è un Sud che produce e che va al di là degli stereotipi - ha detto la vice ministra - Esempi come quello di Taranto, con una impresa che rispetta i tempi e che, addirittura, come detto dal presidente dell'Autorità di Sistema portuale, conclude i lavori in anticipo dovrebbero essere la normalità" - Grande soddisfazione da parte del presidente dell'Autorità di Sistema portuale, Sergio Prete, per l'obiettivo raggiunto in anticipo rispetto ai tempi previsti: "Voglio ringraziare la ditta che come in altre occasioni ha ultimato i lavori in anticipo consentendo una gestione del contratto molto serena che ha consentito di ottenere questi risultati"

“Consideriamo quest’opera una sfida vinta. Prima degli indirizzi dettati dal piano di resistenza, qui a Taranto si è già applicato il modello resilienza. Qui si è creata e sviluppata la sinergia essenziale con gli enti, dall’Autorità di sistema portuale al Comune, alla Prefettura alla Provincia ed all'Arpa, che riteniamo sia stata strategica per realizzare nei tempi dovuti il miglior risultato sperato. La trasformazione radicale dello scalo portuale, in una visione internazionale ed europea, è oggi sotto gli occhi di tutti e noi, come R.C.M. Costruzioni, parte di questa unione d’intenti, non possiamo che esserne orgogliosi”. Lo hanno dichiarato Elio ed Eugenio Rainone, che guidano R.C.M. Costruzioni società che ha realizzato i lavori, impresa specializzata in opere marittime, con realizzazioni nei porti di Trieste, Savona, Marina di Carrara, Napoli, Salerno, Palermo, Augusta, Cagliari, Termini Imerese, Genova, Civitavecchia, Gaeta e Ravenna Port Hub.

Post correlati

Federlogistica Marche, Morandi: “Porti Mare Adriatico Centrale, senza presidente da un anno”

La denuncia di Federlogistica Marche, Morandi: “Basta tergiversare” – “Nonostante il grande lavoro del commissario Pettorino” – “È tempo che […]

Presentazione del libro di Luciano Guerrieri: “Strategie di Sistema e Gestione snella nelle AdSP”

Giovedì 2 dicembre ore 17,30 – 18,30 a Livorno presso la Fortezza Vecchia, sala Ferretti, nell’ambito dell’iniziativa i “giovedì del […]

Trieste Marine Terminal protagonista del premio internazionale Le Fonti Awards

Trieste Marine Terminal protagonista del premio Le Fonti Awards – Stefano Selvatici amministratore delegato della società terminalistica, per il secondo […]


Leggi articolo precedente:
DonyaFlorence Amer
In 175 anni di storia di Hapag Lloyd, la prima donna entra nel CdA – E’ Donya-Florence Amer, nuovo CIO

Donya-Florence Amer sarà Chief Information Officer di Hapag-Lloyd - "Il Supervisory Board di Hapag-Lloyd AG è fermamente convinto che, con...

Chiudi