lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Taranto, accordo per un polo di analisi Scientifico Merceologico

Taranto, accordo per un polo di analisi Scientifico Merceologico

Creare un polo di analisi al servizio del Porto di Taranto, della sicurezza e salute dei cittadini e delle produzioni nazionali, in particolare nel settore agroalimentare.

TARANTO - Un accordo di collaborazione per la realizzazione di un Laboratorio Scientifico Merceologico del Porto di Taranto (LaMPoT). Un'intesa che è stata siglata a Taranto tra il direttore generale dell'Agenzia delle Dogane e Monopoli, Marcello Minenna, il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio, Sergio Prete, e il presidente del CNR, Massimo Inguscio.

Il progetto, approvato nel quadro del Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) e del Tavolo Istituzionale Permanente (TIP) per l'Area di Taranto presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha l'obiettivo di creare un polo di analisi al servizio del Porto di Taranto, della sicurezza e salute dei cittadini e delle produzioni nazionali, in particolare nel settore agroalimentare.

ADM partecipa fornendo certificazioni analitiche di fede pubblica, attraverso il proprio personale e le competenze tecnico-scientifiche della sua rete di laboratori. Offre inoltre, in regime di mercato con la società partecipata Qualitalia Spa, il bollino di qualità e origine alle merci, quale strumento di qualificazione dei prodotti nazionali e sostegno alle aziende esportatrici.

Il CNR svolgerà un ruolo  nella realizzazione del Laboratorio affiancando alle attività di analisi, attività di ricerca e sviluppo con l'obiettivo di costituire, a Taranto, un polo all'avanguardia per il controllo e la sicurezza delle merci e per la loro certificazione.

I progetti di sviluppo del porto di Taranto, delineati nella programmazione strategica dell’AdSP, presuppongono l’attivazione e implementazione di servizi efficienti, a supporto dei traffici in import/export, che consentano un agevole movimentazione e trasferimento delle merci, senza colli di bottiglia, al fine di dotare lo scalo di ogni asset necessario ad uno sviluppo armonico e globale che ne soddisfi la vocazione di hub portuale e logistico.

La realizzazione del LaMPoT si presenta come azione necessaria anche alla luce della ripresa dei traffici commerciali containerizzati al Molo Polisettoriale, sede del nuovo terminal contenitori gestito dalla San Cataldo Container Terminal SpA, controllata dal gruppo internazionale Yilport Holding Inc. La presenza di un laboratorio dedicato e ubicato nel porto di Taranto, che assicuri la possibilità di effettuare in loco le analisi sulle merci movimentate, consentirà allo scalo jonico di acquisire maggiore competitività nell’area mediterranea.

Post correlati

Di Sarcina, situazione difficile in LSCT, emorragia di personale – MSC verso altri lidi?

LA SPEZIA – Situazione difficile all’interno della società – La Spezia Container Terminal (LSCT) -parole pronunciate da Francesco Di Sarcina, […]

Porti sardi, approvato bilancio di previsione 2021 “difficile e limitante”

Nel Bilancio di previsione 2021 considerato il calo delle entrate e i nuovi limiti normativi di spesa, il Comitato di […]

PSA Genova Prà, entrate in funzione 2 nuove gru dal valore di 7 milioni

Sono entrate in servizio, stamani, presso il Terminal container PSA Genova Prà due nuove gru di ferrovia, mezzi ultra moderni […]


Leggi articolo precedente:
Stazione marittima
Assiterminal e Confetra al Mit: Misure di ristoro per i Terminal passeggeri in forte crisi

Una lettera a firma congiunta dei presidenti di ASSITERMINAL e CONFETRA, Luca Becce e Guido Nicolini, inviata al Mit, e...

Chiudi