lorenziniterminal
grimaldi
Ports > Spezia, manovra ferroviaria in porto – Nuovo contratto per la gestione

Spezia, manovra ferroviaria in porto - Nuovo contratto per la gestione

LA SPEZIA - Siglato oggi il nuovo contratto tra l'Autorità di sistema Portuale del Mar Ligure Orientale e l’A.T.I. composta da Mercitalia Shunting & Terminal s.r.l. (capogruppo) e La Spezia Shunting Railways S.p.A. risultata vincitrice della gara pubblica europea avente per oggetto la “Concessione per l’esecuzione del servizio di interesse generale di gestore unico del comprensorio ferroviario “nodo la spezia”, compreso il relativo servizio di manovra in ambito portuale e dei collegamenti con le stazioni di Marittima, Migliarina e S.Stefano di Magra”. Lo fa sapere l'AdSP in una nota.
La gara, a cui hanno partecipato tre soggetti, spiega l'Authority - prevede una durata della concessione di cinque anni dalla data di consegna del servizio, con opzione di rinnovo per massimo altri tre anni. L’importo complessivo massimo presunto è 38 milioni di Euro.

«Con la consegna dei lavori– ha dichiarato il commissario, Francesco Di Sarcina – si assisterà ad una vera e propria rivoluzione dell’intero assetto ferroviario del porto, da cui potranno essere veicolate merci utilizzando treni lunghi fino a 750 metri, lo standard attuale dell’Unione Europea. Inoltre -continua Di Sarcina- Anche i collegamenti con le stazioni di Migliarina e S. Stefano di Magra verranno efficientati e, sul fronte ambientale, si otterranno importanti miglioramenti grazie all’utilizzo di locomotori ibridi di nuova generazione».

Con questo contratto andranno a regime le manovre ferroviarie all’interno del porto della Spezia con la possibilità di estendere il servizio, a partire dalla metà del 2021, anche al porto di Marina di Carrara, nel segno della sinergia tra i due porti.
Già nel mese di gennaio del corrente anno, l’AdSP aveva venduto le proprie quote della Società LSSR al fine di favorire, in linea con le indicazioni della Autorità di Regolazione dei Trasporti, una transizione verso la gestione interamente privata del servizio, mediante individuazione del soggetto tramite gara pubblica.
Adesso, grazie al nuovo assetto, l’AdSP potrà concentrarsi solo sulla attività di vigilanza e verifica del buon andamento del servizio, compiti propri della pubblica amministrazione, destinando interamente ai privati l’attività economica di gestione del servizio.
I vantaggi per il porto sono molteplici, a partire dal quadro tariffario, dall’efficienza complessiva del servizio e dalla prospettiva di un potenziamento dello stesso che avverrà appena potranno essere utilizzati i nuovi binari, i cui lavori sono stati consegnati un mese fa.

Post correlati

Terminal container, capacità di crescita in lieve calo al 70% per il 2025

Previsioni sulla capacità di crescita dei porti container globali – L’interruzione globale della catena di approvvigionamento non ha influito sulle […]

PSA Singapore, ripreso il trasporto e stoccaggio di perossido di idrogeno

PSA Singapore ha ritirato il divieto di trasporto all’interno del porto il perossido di idrogeno proveniente dal Bangladesh e in […]

“Ferragosto sicuro”, la Guardia Costiera presidia le coste toscane con 40 mezzi e 120 uomini

LIVORNO – La Guardia Costiera, anche quest’anno, ha affrontato la giornata clou dell’estate attraverso l’attività di presidio e sorveglianza delle […]


Leggi articolo precedente:
Luigi Merlo
Merlo (Federlogistica): Si, al Golden Power – Subito, Regolamento concessioni portuali

Il presidente di Federlogistica, Luigi Merlo, chiede un Tavolo di confronto tra ministero e ART per l’immediato varo del Regolamento...

Chiudi